Inno di Mameli a scuola obbligatorio: la storia e il significato del Canto degli italiani



L' Inno di Mameli verrà insegnato a scuola : con 208 sì, 14 no e 2 astenuti, il Senato ha ap...


L'Inno di Mameli verrà insegnato a scuola: con 208 sì, 14 no e 2 astenuti, il Senato ha approvato il provvedimento, divenuto ormai legge a tutti gli effetti; oltre a questo, è stata istituita anche la "Giornata dell'Unità della Costituzione dell'Inno e della Bandiera", festività che cadrà ogni 17 marzo. Roberta Pinotti - senatrice genovese del Pd - felicissima per tal esito, ha tenuto a spiegare le origini del Canto degli italiani:

"Voglio ricordare in quest’aula - così esordisce - che l’Inno di Mameli è stato suonato e cantato per la prima volta a Genova, la città che ha dato i natali al canto degli italiani. La grande partecipazione dei cittadini alle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia è la prova che iniziative come questa incontrano il sentimento degli italiani. Non è stato possibile inserire - continua - un riferimento specifico a Genova, la città di chi ha scritto e di chi ha musicato l’inno, per evitare un ulteriore passaggio alla Camera del testo, anche se mi riprometto una prossima iniziativa legislativa".

Contrari a tale provvedimento, i senatori della Lega Nord sono stati attaccati da Achille Serra, esponente dell'Udc:

"Senatori del Parlamento italiano, magari ex ministri, non possono affermare di non sentirsi italiani. È vergognoso. Non bisogna confondere il federalismo americano con l'insofferenza che taluni provano per una parte del paese. Lo spirito unitario, che caratterizza l’America come tutte le democrazie degne di questo nome, viene continuamente minato da chi ancora grida 'Roma ladrona'. Salvo poi beneficiare, come parlamentare, dei vantaggi economici e istituzionali che Roma capitale dello Stato offre".

Gli studenti, oltre ad imparare correttamente il testo completo dell'Inno di Mameli, dovranno anche apprendere come e perché è avvenuta l'unificazione dell'Italia, approfondendo in questo modo il periodo storico del Rinascimento.

Ma veniamo alla storia dell'Inno di Mameli (chiamato anche Il Canto degli Italiani, Fratelli d'Italia o Canto nazionale). A scrivere il testo è stato, nell'autunno del 1847, l'allora ventenne Goffredo Mameli; a musicarlo, invece, Michele Novaro, che rimase profondamente affascinato dalle parole. L'inno, dal suo primo debutto sul piazzale del Santuario della Nostra Signora di Loreto a Oregina, conquistò tutto il popolo; in men che non si dica fu cantato sia durante proteste pacifiche sia durante quelle violente.

Ben presto, però, le autorità cercarono di censurare prima interamente, poi l'ultima parte del Canto nazionale, perché particolarmente dura contro gli Austriaci, che in quel periodo, seppur oppressori, erano formalmente gli alleati degli italiani. Successivamente, il componimento non fu più visto malamente, poiché usato come canto di sovversione contro l'Austria soggiogante.

Con la diffusione di Fratelli d'Italia, si concretizzò anche l'idea del tricolore rosso bianco e verde - nata nella Giovine Italia - come bandiera di stato, che sostituì la famosa coccarda azzurra imposta dallo Statuto albertino.

Durante la presa di Roma del 1870, la guerra libica del 1911-1912 e l'armistizio dell'8 settembre 1943, l'Inno di Mameli fu cantato per motivare i soldati a raggiungere i propri obiettivi; altre volte, tra i morti, per tirare su di morale chi era stato chiamato a lottare, nonostante tutto. Il Canto degli Italiani, insomma, è un simbolo di fratellanza che nessun detrattore potrà mai riuscire ad affossare.

Vi lasciamo al testo completo:

Fratelli d'Italia,
L'Italia s'è desta;
Dell'elmo di Scipio
S'è cinta la testa.
Dov'è la Vittoria?
Le porga la chioma;
Ché schiava di Roma
Iddio la creò.

Stringiamci a coorte!
Siam pronti alla morte;
Italia chiamò.

Noi siamo da secoli
Calpesti, derisi,
Perché non siam popolo,
Perché siam divisi.
Raccolgaci un'unica Bandiera, una speme;
Di fonderci insieme
Già l'ora suonò.

Stringiamci a coorte!
Siam pronti alla morte;
Italia chiamò.

Uniamoci, amiamoci;
L'unione e l'amore
Rivelano ai popoli
Le vie del Signore.
Giuriamo far libero
Il suolo natio:
Uniti, per Dio,
Chi vincer ci può?

Stringiamci a coorte!
Siam pronti alla morte;
Italia chiamò.

Dall'Alpe a Sicilia,
Dovunque è Legnano;
Ogn'uom di Ferruccio
Ha il core e la mano;
I bimbi d'Italia
Si chiaman Balilla;
Il suon d'ogni squilla
I Vespri suonò.

Stringiamci a coorte!
Siam pronti alla morte;
Italia chiamò.

Son giunchi che piegano
Le spade vendute;
Già l'Aquila d'Austria
Le penne ha perdute.
Il sangue d'Italia
E il sangue Polacco Bevé col Cosacco,
Ma il cor le bruciò.

Stringiamci a coorte!
Siam pronti alla morte;
Italia chiamò.


COMMENTI

BLOGGER
Nome

Accademia della Crusca Accento Accusativo preposizionale Acronimi Aferesi Aggettivi Aggettivi qualificativi Alessandro Manzoni Analisi Analisi dei testi analisi del periodo Analisi Grammaticale Analisi grammaticale verifica Analisi Logica Apocope Apostrofo Apposizione Articolo Auguri Capodanno Auguri di buon compleanno Auguri di buon onomastico Auguri di Natale Auguri di Pasqua Auguri di San Valentino Auguri per San Faustino Ausiliari Avverbi Bilinguismo blog Bullismo a scuola Capodanno Cattedra 24 ore Che significa? Complementi del latino Complemento oggetto Complemento predicativo del soggetto Complemento predicativo dell'oggetto Concorsi pubblici scuola Concorso scuola 2012 Congiunzione Coordinate Creoli Dante Alighieri De bello Gallico Decameron Declinazioni latino Derivazione Dialetti italiani Dialettologia Dittonghi Divina Commedia Divisione in sillabe Emoticon Enigmistica Errori Grammaticali Esercizi analisi del periodo Esercizi analisi grammaticale Esercizi analisi logica Esercizi divisione in sillabe Esercizi grammatica inglese Esercizi Grammatica Italiana Esercizi sulla punteggiatura Essere e Avere Ferdinand De Saussure Festa dei morti Festa del papà Festa della donna Festa della Mamma Figure retoriche Filosofia del Linguaggio Fonetica e Fonologia Francesco Petrarca Francesco Profumo Ministro Istruzione Frasario Frasi celebri Frasi d'amore Frasi di auguri di Pasqua Frasi di auguri per matrimonio Frasi Festa del Papà Frasi Festa della Befana Frasi Festa della Mamma Frasi Festa delle Donne Frasi Halloween Frasi per Carnevale Frasi per Halloween Frasi Pesce d'Aprile Frasi sull'amicizia Frasi sulla Giornata della Memoria Frasi sulla vita Gabriele d'Annunzio Generativismo Gerundio Giacomo Leopardi Giambattista Vico Giovanni Boccaccio Giovanni Verga Giulio Cesare Grammatica inglese Grammatica Italiana Grammatica Italiana TEST Guide Halloween Halloween 2012 I complementi I Nuovi Mostri Iati Il complemento di termine Il Femminile Il Linguaggio della Filosofia Il Maschile Il plurale Il Principe Il singolare Il verbo IN EVIDENZA Interiezione Italiano Italiano neostandard Karl Marx La lingua italiana EVENTI La Scimmia La Scimmia reality La virgola Latino Le Vocali Letteratura italiana Letteratura italiana del Cinquecento Letteratura italiana del Duecento Letteratura italiana del Novecento Letteratura italiana del Quattrocento Letteratura Italiana del Seicento Letteratura Italiana del Settecento Letteratura italiana del Trecento Letteratura italiana dell'Ottocento Letteratura latina Lettura e metrica latine Lezioni universitarie Lingua inglese Lingua Italiana dei Segni Lingua latina Lingue tonali Linguistica Linguistica Romanza Locuzioni Luigi Pirandello Maiuscola Maturità Maturità 2012 Maturità 2012 prima prova Maturità 2013 Maturità 2013 prima prova Maturità 2014 prima prova Morfologia Natale Natale 2012 Niccolò Machiavelli Noam Chomsky Nome Parole difficili Parole nuove Parole nuove e difficili Parti del discorso Perché si dice? Perifrastica Pesce d'aprile Pidgin Pietro Bembo Platone Poesia italiana Pragmatica Predicato nominale Predicato verbale Preposizioni Preposizioni improprie Present continuous inglese Present simple inglese Prima prova maturità Promessi sposi Pronomi Pronomi Personali Pronomi Relativi Proposizione Principale Proposizioni Prosa italiana Punteggiatura Raddoppiamento fonosintattico Saggi brevi San Valentino Sapete che? Schede didattiche Scienza Nuova Sciopero scuola 2012 Scuola e Istruzione Si dice o non si dice? Si scrive? Sillogismo Sintassi Sintassi dei casi Sociolinguistica Soggetto Strutturalismo Subordinate Tagli alla scuola Teatro italiano Temi svolti Terza declinazione latina Tesi di laurea TFA TFA 2012 Trittonghi Troncamento Ugo Foscolo Univerbazione Università Varie Verbi attivi Verbi inglesi Verbi latini Verbi passivi Verbi riflessivi Verbi servili Verbi sovrabbondanti Verbi suppletivi Verifica analisi del periodo Verifica di analisi logica Versioni tradotte Vita e opere autori letteratura italiana
false
ltr
item
LINKUAGGIO?: Inno di Mameli a scuola obbligatorio: la storia e il significato del Canto degli italiani
Inno di Mameli a scuola obbligatorio: la storia e il significato del Canto degli italiani
http://4.bp.blogspot.com/-wOC-aIqBcZY/UJ2iQTg47HI/AAAAAAAACcw/ONNi3fH5B-4/s320/inno-di-mameli-a-scuola.jpg
http://4.bp.blogspot.com/-wOC-aIqBcZY/UJ2iQTg47HI/AAAAAAAACcw/ONNi3fH5B-4/s72-c/inno-di-mameli-a-scuola.jpg
LINKUAGGIO?
http://www.linkuaggio.com/2012/11/inno-di-mameli-scuola-obbligatorio-la.html
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/2012/11/inno-di-mameli-scuola-obbligatorio-la.html
true
7275283272962022850
UTF-8
Non è stato trovato alcun post LEGGILI TUTTI Di più... Rispondi Cancella la risposta Cancella di Home Pagine Articoli Leggili tutti TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE ARGOMENTI ARCHIVIO SEARCH TUTTI I POST Non è stato trovato alcun post corrispondente alla tua richiesta Back Home domenica lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato dom lun mar mer giov ven sab gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre gen feb mar apr maggio giu lug ago set ott nov dic proprio ora un minuto fa $$1$$ minutes ago un'ora fa $$1$$ hours ago ieri $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago più di cinque settimane fa follower Segui CONTENUTO PREMIUM Condividi per sbloccare Copia tutto Seleziona tutto Tutto è stato copiato Non si può copiare, per piacere premi [CTRL]+[C] (o CMD+C se hai un Mac) per farlo