Pronomi personali complemento e soggetto: guida all'uso [ESERCIZI]

Parti variabili del discorso , i pronomi assolvono assolve la funzione di "sostituente&...


schema pronomi personali
Parti variabili del discorso, i pronomi assolvono assolve la funzione di "sostituente": sono utilizzati principalmente per evitare la ripetizione di altre parole, un nome, per esempio, ma non solo. Il corretto utilizzo del pronome è indispensabile non solo ai fini del funzionamento del discorso, ma anche per una lettura scorrevole: qualsiasi lettore, non solo quello più istruito, troverebbe poco interessante e sicuramente fastidioso avere a che fare con un testo ricco di ripetizioni e privo di sinonimi, perifrasi (i cosiddetti "giri di parole") e pronomi.

Anche se questa parte del discorso serve parecchio, è una tra le più critiche di tutta la grammatica, in quanto soggetta a non pochi cambiamenti; pensate, per esempio, alla sostituzione di "lei" e "loro" con "gli", tendenza approfondita nelle pagine del blog Sul Romanzo nell'articolo Le svolte dell'italiano neostandard: un democratico "connubio" tra due mondi non più lontani.

1. Caratteristiche generali del pronome
Le seguenti frasi rendono più chiara la trattazione dell'argomento:

(1) Ho incontrato Marco e a Marco ho dato il libro
(2) Ho incontrato Marco e a lui ho dato il libro
(3) Ho incontrato Marco e gli ho dato il libro

La prima "suona" sicuramente peggio rispetto alle seconde due; questo perché l'utilizzo dei pronomi "lui" e "gli" ha permesso di evitare la cosiddetta "cacofonia" - dal greco "cattivo suono" - derivante, in molti casi, dalla ripetizione della stessa parola (in questo caso, il nome proprio "Marco") frequentemente.

2. Pronomi personali con funzione di soggetto
La distinzione dei pronomi avviene in base alla funzione che svolgono. Qui tratteremo in modo approfondito quelli personali, non solo perché molto più importanti rispetto ad altre sottocategorie, ma anche perché piuttosto difficili da "gestire". Li distinguiamo in pronomi soggetto e pronomi complemento. I primi non hanno mai dato problemi: "io" "tu" "egli/ella" "noi" "voi" "essi/esse" vengono utilizzati in base al soggetto - da qui il nome - che compie l'azione; si trova in un particolare stato d'animo e via dicendo.

3. Pronomi personali con funzione di complemento 
Per i secondi, invece, il discorso è più complesso. La funzione che svolgono non è quella di soggetto, ma di complemento. Partiamo dalle frasi precedenti:

(1) Ho incontrato Marco e a Marco ho dato il libro
(2) Ho incontrato Marco e a lui ho dato il libro
(3) Ho incontrato Marco e gli ho dato il libro

In (2) "lui", preceduto da "a", corrisponde al complemento di termine (a chi ho dato il libro? A Marco). Diciamo, quindi, che lui è pronome personale con funzione di complemento. E la (3), allora, perché sembra assolvere la stessa funzione? Semplicemente perché anche "gli" è pronome personale e ha la stessa funzione logica (gli = a lui).

4. Pronomi personali atoni e tonici
La differenza sta in un fatto di prosodia: il suono prodotto da "lui" è un suono forte; quello prodotto da "gli" è un suono debole. Nel primo caso, parliamo di "pronomi tonici"; nel secondo, di "pronomi atoni". In presenza di pronome atono - quindi di "gli" - l'accento "slitta" sulla parola successiva. Cosa che non accade per quello tonico.

Queste premesse ci permettono di fare delle considerazioni sulla posizione dei pronomi nella frase. Mi spiego meglio con queste proposizioni:

(1) Ti amo
(2) Amo te

(3) Ti voglio
(4) Voglio te

Non è difficile notare che l'atono, in entrambe le frasi, ha bisogno di precedere la parola - non avremmo mai potuto scrivere *amo ti. Il tonico, invece, la segue, perché per "esserci fonicamente" non ha bisogno di una parola: può stare benissimo da sé; senza appoggiarsi, quindi, ad altri suoni: ecco perché sintagmi come *te voglio sono in linea di massima sbagliati.

5. I pronomi gli/le non sono intercambiabili
La questione più complessa arriva adesso ed è stata già accennata, tra l'altro, in un intervento precedente sui tratti dell'italiano neo-standard. Molto spesso, accade di leggere frasi come:

(1) *A Maria ho dato il libro e gli ho anche dato il quaderno
(2) *Ho chiamato mamma e gli ho detto di venire subito qui

La seconda parte della proposizione - la coordinata introdotta da "e" congiunzione coordinante - è sbagliata: il pronome personale complemento "gli" sostituisce un referente di genere maschile e non femminile. Errori di questo tipo sono diffusissimi: accettabili nel parlato - ma solo in contesti informali - sono assolutamente da evitare nello scritto e in conversazioni più controllate (evitarle completamente, comunque, sarebbe meglio). Alcuni lo giustificano anche in quest'ultimo caso, forse non dimentichi del fatto che autori del passato utilizzavano indistintamente "gli". Si pensi, per esempio, a Jacopo Sannazzaro, autore del romanzo pastorale L'Arcadia. La lingua, però, si evolve e forme del genere oggi risultano davvero orrende.

Correggendo, quindi, avremo:

(1a) A Maria ho dato il libro e le ho anche dato il quaderno
(2b) Ho chiamato mamma e le ho detto di venire subito qui

6. I pronomi personali lo/gli la/le
I pronomi complemento possono anche svolgere la funzione di oggetto. In tal caso, non vanno assolutamente confusi con i precedenti. Consideriamo queste frasi:

(1) Ho iniziato a comporre il pezzo, ma non sono riuscito a finirlo
(2) Ho comprato la farina, ma non la userò
(3) Ho studiato i poeti del Novecento, ma ora non li ricordo

Volendo esplicitare la funzione logica dei pronomi, avremo:

(1) Ho iniziato a comporre il pezzo, ma non sono riuscito a finire il pezzo 
(2) Ho comprato la farina, ma non userò la farina
(3) Ho studiato i poeti del Novecento, ma ora non ricordo i poeti del Novecento

"Lo" di "finirlo", "la" della seconda frase e "li" della terza rappresentano un complemento oggetto (Non sono riuscito a finire che cosa? Il pezzo; cosa non userò? La farina; cosa non ricordo? I poeti del Novecento). Alla terza persona, dunque, la differenza è davvero evidente. "Gli" e "le" indicano "a lui" e "a lei"; "la" e "lo", invece, "lui" e "lei". Ecco perché errori del genere vanno assolutamente evitati: i due tipi di pronome, infatti, hanno una funzione logica completamente diversa. 

Questi esercizi svolti di grammatica vi chiariranno ancor di più le idee.



COMMENTI

BLOGGER: 4
Loading...
Nome

Accademia della Crusca Accento Accusativo preposizionale Acronimi Aferesi Aggettivi Aggettivi qualificativi Alessandro Manzoni Analisi Analisi dei testi analisi del periodo Analisi Grammaticale Analisi grammaticale verifica Analisi Logica Apocope Apostrofo Apposizione Articolo Auguri Capodanno Auguri di buon compleanno Auguri di buon onomastico Auguri di Natale Auguri di Pasqua Auguri di San Valentino Auguri per San Faustino Ausiliari Avverbi Bilinguismo blog Bullismo a scuola Capodanno Cattedra 24 ore Che significa? Complementi del latino Complemento oggetto Complemento predicativo del soggetto Complemento predicativo dell'oggetto Concorsi pubblici scuola Concorso scuola 2012 Congiunzione Coordinate Creoli Dante Alighieri Decameron Declinazioni latino Derivazione Dialetti italiani Dialettologia Dittonghi Divina Commedia Divisione in sillabe Emoticon Enigmistica Errori Grammaticali Esercizi analisi del periodo Esercizi analisi grammaticale Esercizi analisi logica Esercizi divisione in sillabe Esercizi grammatica inglese Esercizi Grammatica Italiana Esercizi sulla punteggiatura Essere e Avere Ferdinand De Saussure Festa del papà Festa della donna Festa della Mamma Figure retoriche Filosofia del Linguaggio Fonetica e Fonologia Francesco Petrarca Francesco Profumo Ministro Istruzione Frasario Frasi celebri Frasi d'amore Frasi di auguri di Pasqua Frasi di auguri per matrimonio Frasi Festa del Papà Frasi Festa della Befana Frasi Festa della Mamma Frasi Festa delle Donne Frasi Halloween Frasi per Carnevale Frasi per Halloween Frasi Pesce d'Aprile Frasi sull'amicizia Frasi sulla Giornata della Memoria Frasi sulla vita Gabriele d'Annunzio Generativismo Gerundio Giacomo Leopardi Giambattista Vico Giovanni Boccaccio Giovanni Verga Grammatica inglese Grammatica Italiana Grammatica Italiana TEST Guide Halloween Halloween 2012 I complementi I Nuovi Mostri Iati Il complemento di termine Il Femminile Il Linguaggio della Filosofia Il Maschile Il plurale Il Principe Il singolare Il verbo IN EVIDENZA Interiezione Italiano Italiano neostandard Karl Marx La lingua italiana EVENTI La Scimmia La Scimmia reality La virgola Latino Le Vocali Letteratura italiana Letteratura italiana del Cinquecento Letteratura italiana del Duecento Letteratura italiana del Novecento Letteratura italiana del Quattrocento Letteratura Italiana del Seicento Letteratura Italiana del Settecento Letteratura italiana del Trecento Letteratura italiana dell'Ottocento Lettura e metrica latine Lezioni universitarie Lingua inglese Lingua Italiana dei Segni Lingua latina Lingue tonali Linguistica Linguistica Romanza Locuzioni Luigi Pirandello Maiuscola Maturità Maturità 2012 Maturità 2012 prima prova Maturità 2013 Maturità 2013 prima prova Maturità 2014 prima prova Morfologia Natale Natale 2012 Niccolò Machiavelli Noam Chomsky Nome Parole difficili Parole nuove Parole nuove e difficili Parti del discorso Perché si dice? Perifrastica Pesce d'aprile Pidgin Pietro Bembo Platone Poesia italiana Pragmatica Predicato nominale Predicato verbale Preposizioni Preposizioni improprie Present continuous inglese Present simple inglese Prima prova maturità Promessi sposi Pronomi Pronomi Personali Pronomi Relativi Proposizione Principale Proposizioni Prosa italiana Punteggiatura Raddoppiamento fonosintattico Saggi brevi San Valentino Sapete che? Schede didattiche Scienza Nuova Sciopero scuola 2012 Scuola e Istruzione Si dice o non si dice? Si scrive? Sillogismo Sintassi Sintassi dei casi Sociolinguistica Soggetto Strutturalismo Subordinate Tagli alla scuola Teatro italiano Temi svolti Terza declinazione latina Tesi di laurea TFA TFA 2012 Trittonghi Troncamento Ugo Foscolo Univerbazione Università Varie Verbi attivi Verbi inglesi Verbi latini Verbi passivi Verbi riflessivi Verbi servili Verbi sovrabbondanti Verbi suppletivi Verifica analisi del periodo Verifica di analisi logica Vita e opere autori letteratura italiana
false
ltr
item
LINKUAGGIO?: Pronomi personali complemento e soggetto: guida all'uso [ESERCIZI]
Pronomi personali complemento e soggetto: guida all'uso [ESERCIZI]
http://2.bp.blogspot.com/-lLbKOSYcR9w/UgutNhYEIlI/AAAAAAAAH9s/DPUYbAdOic8/s320/schema+pronomi+personali.png
http://2.bp.blogspot.com/-lLbKOSYcR9w/UgutNhYEIlI/AAAAAAAAH9s/DPUYbAdOic8/s72-c/schema+pronomi+personali.png
LINKUAGGIO?
http://www.linkuaggio.com/2011/07/grammatica-italiana-sos-pronomi.html
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/2011/07/grammatica-italiana-sos-pronomi.html
true
7275283272962022850
UTF-8
Non è stato trovato alcun post LEGGILI TUTTI Di più... Rispondi Cancella la risposta Cancella di Home Pagine Articoli Leggili tutti TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE ARGOMENTI ARCHIVIO SEARCH TUTTI I POST Non è stato trovato alcun post corrispondente alla tua richiesta Back Home domenica lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato dom lun mar mer giov ven sab gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre gen feb mar apr maggio giu lug ago set ott nov dic proprio ora un minuto fa $$1$$ minutes ago un'ora fa $$1$$ hours ago ieri $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago più di cinque settimane fa follower Segui CONTENUTO PREMIUM Condividi per sbloccare Copia tutto Seleziona tutto Tutto è stato copiato Non si può copiare, per piacere premi [CTRL]+[C] (o CMD+C se hai un Mac) per farlo