Variabili diafasiche, diastratiche, diamesiche e diatopiche: il linguaggio come fenomeno sociale



Giulio Lepschy , noto strutturalista , ha definito il linguaggio come un "fenome...


Giulio Lepschy, noto strutturalista, ha definito il linguaggio come un "fenomeno sociale", con chiaro riferimento non tanto alla capacità che noi tutti abbiamo di apprendere la lingua - il termine "linguaggio" significa proprio questo -, quanto alla possibilità che il nostro idioma cambi non solo nel tempo, ma anche, e soprattutto, nello spazio: un concetto che potremmo esprimere anche con le parole di Edward Sapir, etnologo e linguista statunintense forte assertore della cosiddetta "deriva linguistica", con la quale intende una lenta trasformazione della lingua in modo libero e incontrollato.

Alla base del linguaggio come fenomeno sociale, insomma, c'è il cambiamento, e questo riguarda non soltanto il tempo e lo spazio, ma anche altre due variabili: è chiaro che il mio registro linguistico, per esempio, cambierà a seconda se sto interagendo con un professore universitario oppure con un amico; così come pare abbastanza evidente che la lingua scritta è piuttosto diversa da quella parlata (caratterizzata, in linea di massima, da più rilassatezza e meno controllo). Per un approfondimento sul cambiamento linguistico vi rimando a un intervento sulle pagine del blog Sul Romanzo Le svolte dell’italiano neostandard: un democratico «connubio» tra due mondi non più lontani.

Che l'italiano, nel nostro caso, sia sottoposto a modifiche continue e inconsapevoli - i parlanti non si accordano per il cambiamento; eppure, ne sono i principali protagonisti - dipende dal fatto che la lingua non è un sistema morto e che molti processi linguistici - considerate, per esempio, il sistema pronominale ("le" che spesso viene sostituito da "gli") - sono ancora in fase di assestamento. Non tutti i cambiamenti, ovviamente, sono accettabili: il già citato "gli", per esempio, può essere utilizzato in sostituzione a "loro" ma non a "le".

Le lingue, insomma, sono soggette all'uso che l'uomo ne fa; veniamo, allora, alle quattro variabili del titolo: la "diafasica", la "diamesica", la "diastratica" e la "diatopica".

Variabile diafasica e contesto comunicativo
Se scrivo per e in un blog, non potrò mai impostare il discorso nel modo in cui lo imposterei per i lettori di un libro destinato alla lettura di accademici esperti. Questo perché cambia il target: i lettori potenziali di una tale realtà (virtuale) sono molto più eterogenei e diversificati, rispetto a quelli di un libro accademico. Potrebbe voler leggere questo blog, per esempio, anche uno studente delle scuole medie, che ha bisogno di dritte, consigli, suggerimenti chiari e intuitivi (per il quale già parlare di "fenomeno sociale" risulta piuttosto difficoltoso); una matricola universitaria dovrebbe essere in grado, invece, di andare oltre; di affrontare, cioè, testi di difficile comprensione.

Questa premessa è necessaria per rendere chiara la prima variabile, quella diafasica, in base alla quale la lingua cambia a seconda della situazione comunicativa, del contesto entro il quale il messaggio è inserito. È proprio sulla base di questi fattori che possiamo parlare di registri formali (il libro accademico; una conversazione con un professore o con un estraneo e così via) e informali (il blog; una chiacchierata tra amici e via dicendo); linguaggio informatico, della linguistica, della scienza (i cosiddetti "linguaggi settoriali").

Variabile diamesica e mezzo di trasmissione
Anche il mezzo fisico di trasmissione influenza la lingua. Lo scritto, per esempio, è generalmente più curato del parlato; solo generalmente perché può succedere anche l'esatto contrario (e qui entrano in ballo la variabile diafasica): un SMS (scritto) a un amico sarà sicuramente meno controllato di un colloquio (parlato) con il proprio potenziale datore di lavoro. Il discorso, indipendentemente da queste riflessioni, dovrebbe essere chiaro: mezzi di trasmissione diversi delineano una variabile diamesica che permette di distinguere tra "parlato", "scritto", "radiotrasmesso", "teletrasmesso" (e anche "blogtrasmesso", se volessimo coniare un neologismo apposito per una realtà difficilmente definibile come quella virtuale), ognuno con stili evidentemente differenti. 

Variabile diastratica e stratificazione sociale
Per la variabile diastratica bisogna partire da un presupposto: non tutti parlano allo stesso modo la stessa lingua. Un anziano del dopoguerra conoscerà, per esempio, soltanto il dialetto; uno studente universitario avrà - dovrebbe avere, perlomeno - dimestichezza anche con i diversi livelli della lingua italiana (non soltanto il parlato colloquiale, ma anche quello più elevato). Ancor più complessa sarà la competenza linguistica di uno studente universitario cresciuto in mezzo ai campi e a conoscenza, quindi, di un dialetto che definiamo "locale". Ognuno di noi, insomma, ha un suo modo particolare di esprirmersi e dovrebbe poterlo cambiare, a seconda delle circostanze. Le differenze dipendono dalla formazione che si ha alle spalle, influenzata dallo status sociale, dalla professione, dal grado di istruzione e anche dall'appartenenza a un particolare gruppo della società (che influenza, quasi sempre, la possibilità di proseguire gli studi, e quindi di studiare maggiormente e senza problemi, o meno).

Variabile diatopica e aree geografiche
Ultima, ma non per questo meno importante, la variabile diatopica. Non è difficile spiegarla: ogni parlante, o scrivente, è influenzato nella sua produzione linguistica dalla provenienza geografica. A livello fonetico, per esempio, è facile distinguere un romano da un veneziano, oppure un napoletano da un siciliano. Le differenze non vanno individuate, ovviamente, soltanto a questo livello. La produzione di romani, veneziani, napoletani, siciliani e via dicendo presenta differenze anche a livello morfologico, sintattico; diversità che riguardano, insomma, tutti i sottosistemi della lingua; un tratto tipico del Meridione, per esempio, è il cosiddetto "accusativo preposizionale".

Quando qualcuno, quindi, cercherà di correggervi, giustificandosi con i modi più disparati, ma ignorando queste variabili, non lasciatevi intimidire e ricordate che quello che potremmo defnire ironicamente "italiano ultra-standard" è lontano, quasi sempre anni luce, da ciò che l'italiano è oggi.


COMMENTI

BLOGGER: 2
Loading...
Nome

Accademia della Crusca Accento Accusativo preposizionale Acronimi Aferesi Aggettivi Aggettivi qualificativi Alessandro Manzoni Analisi Analisi dei testi analisi del periodo Analisi Grammaticale Analisi grammaticale verifica Analisi Logica Apocope Apostrofo Apposizione Articolo Auguri Capodanno Auguri di buon compleanno Auguri di buon onomastico Auguri di Natale Auguri di Pasqua Auguri di San Valentino Auguri per San Faustino Ausiliari Avverbi Bilinguismo blog Bullismo a scuola Capodanno Cattedra 24 ore Che significa? Complementi del latino Complemento oggetto Complemento predicativo del soggetto Complemento predicativo dell'oggetto Concorsi pubblici scuola Concorso scuola 2012 Congiunzione Coordinate Creoli Dante Alighieri De bello Gallico Decameron Declinazioni latino Derivazione Dialetti italiani Dialettologia Dittonghi Divina Commedia Divisione in sillabe Emoticon Enigmistica Errori Grammaticali Esercizi analisi del periodo Esercizi analisi grammaticale Esercizi analisi logica Esercizi divisione in sillabe Esercizi grammatica inglese Esercizi Grammatica Italiana Esercizi sulla punteggiatura Essere e Avere Ferdinand De Saussure Festa dei morti Festa del papà Festa della donna Festa della Mamma Figure retoriche Filosofia del Linguaggio Fonetica e Fonologia Francesco Petrarca Francesco Profumo Ministro Istruzione Frasario Frasi celebri Frasi d'amore Frasi di auguri di Pasqua Frasi di auguri per matrimonio Frasi Festa del Papà Frasi Festa della Befana Frasi Festa della Mamma Frasi Festa delle Donne Frasi Halloween Frasi per Carnevale Frasi per Halloween Frasi Pesce d'Aprile Frasi sull'amicizia Frasi sulla Giornata della Memoria Frasi sulla vita Gabriele d'Annunzio Generativismo Gerundio Giacomo Leopardi Giambattista Vico Giovanni Boccaccio Giovanni Verga Giulio Cesare Grammatica inglese Grammatica Italiana Grammatica Italiana TEST Guide Halloween Halloween 2012 I complementi I Nuovi Mostri Iati Il complemento di termine Il Femminile Il Linguaggio della Filosofia Il Maschile Il plurale Il Principe Il singolare Il verbo IN EVIDENZA Interiezione Italiano Italiano neostandard Karl Marx La lingua italiana EVENTI La Scimmia La Scimmia reality La virgola Latino Le Vocali Letteratura italiana Letteratura italiana del Cinquecento Letteratura italiana del Duecento Letteratura italiana del Novecento Letteratura italiana del Quattrocento Letteratura Italiana del Seicento Letteratura Italiana del Settecento Letteratura italiana del Trecento Letteratura italiana dell'Ottocento Letteratura latina Lettura e metrica latine Lezioni universitarie Lingua inglese Lingua Italiana dei Segni Lingua latina Lingue tonali Linguistica Linguistica Romanza Locuzioni Luigi Pirandello Maiuscola Maturità Maturità 2012 Maturità 2012 prima prova Maturità 2013 Maturità 2013 prima prova Maturità 2014 prima prova Morfologia Natale Natale 2012 Niccolò Machiavelli Noam Chomsky Nome Parole difficili Parole nuove Parole nuove e difficili Parti del discorso Perché si dice? Perifrastica Pesce d'aprile Pidgin Pietro Bembo Platone Poesia italiana Pragmatica Predicato nominale Predicato verbale Preposizioni Preposizioni improprie Present continuous inglese Present simple inglese Prima prova maturità Promessi sposi Pronomi Pronomi Personali Pronomi Relativi Proposizione Principale Proposizioni Prosa italiana Punteggiatura Raddoppiamento fonosintattico Saggi brevi San Valentino Sapete che? Schede didattiche Scienza Nuova Sciopero scuola 2012 Scuola e Istruzione Si dice o non si dice? Si scrive? Sillogismo Sintassi Sintassi dei casi Sociolinguistica Soggetto Strutturalismo Subordinate Tagli alla scuola Teatro italiano Temi svolti Terza declinazione latina Tesi di laurea TFA TFA 2012 Trittonghi Troncamento Ugo Foscolo Univerbazione Università Varie Verbi attivi Verbi inglesi Verbi latini Verbi passivi Verbi riflessivi Verbi servili Verbi sovrabbondanti Verbi suppletivi Verifica analisi del periodo Verifica di analisi logica Versioni tradotte Vita e opere autori letteratura italiana
false
ltr
item
LINKUAGGIO?: Variabili diafasiche, diastratiche, diamesiche e diatopiche: il linguaggio come fenomeno sociale
Variabili diafasiche, diastratiche, diamesiche e diatopiche: il linguaggio come fenomeno sociale
http://4.bp.blogspot.com/-s7msb6_aTGM/Ti9FOUuCglI/AAAAAAAAADY/GWiiiyBzT7s/s200/variabili-della-lingua-italiana.JPG
http://4.bp.blogspot.com/-s7msb6_aTGM/Ti9FOUuCglI/AAAAAAAAADY/GWiiiyBzT7s/s72-c/variabili-della-lingua-italiana.JPG
LINKUAGGIO?
http://www.linkuaggio.com/2011/07/linguaggio-fenomeno-sociale-quattro.html
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/2011/07/linguaggio-fenomeno-sociale-quattro.html
true
7275283272962022850
UTF-8
Non è stato trovato alcun post LEGGILI TUTTI Di più... Rispondi Cancella la risposta Cancella di Home Pagine Articoli Leggili tutti TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE ARGOMENTI ARCHIVIO SEARCH TUTTI I POST Non è stato trovato alcun post corrispondente alla tua richiesta Back Home domenica lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato dom lun mar mer giov ven sab gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre gen feb mar apr maggio giu lug ago set ott nov dic proprio ora un minuto fa $$1$$ minutes ago un'ora fa $$1$$ hours ago ieri $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago più di cinque settimane fa follower Segui CONTENUTO PREMIUM Condividi per sbloccare Copia tutto Seleziona tutto Tutto è stato copiato Non si può copiare, per piacere premi [CTRL]+[C] (o CMD+C se hai un Mac) per farlo