Ultimissime

Differenza tra proposizione oggettiva e soggettiva: esempi ed esercizi di analisi del periodo


Oggettiva o soggettiva analisi del periodo
La differenza tra proposizione oggettiva e soggettiva dipende essenzialmente dalla proposizione principale. Prima di approfondire questo argomento di analisi del periodo, perciò, vi converrà comprendere bene come distinguere le proposizioni subordinate e coordinate dalla reggente.

Alcuni esempi di proposizione oggettiva e soggettiva dovrebbero consentirvi di capire tutto senza alcuna difficoltà; partiamo dal seguente breve periodo:

(A) Dico semplicemente che non ti sei comportato bene

La frase principale di questo periodo è "dico semplicemente"; la subordinata, invece, è introdotta da "che", proposizione che non può essere classificata come "relativa" nel modo più assoluto (in questo caso, infatti, "che" non è pronome ma congiunzione); proviamo a procedere, così come faremmo, se dovessimo fare l'analisi logica, rispondendo, quindi, alle solite domande: "cosa dico?" "Che non ti sei comportato bene"; la frase  funge da complemento oggetto della principale, ed è, perciò, una subordinata oggettiva

Passiamo al secondo caso:

(B) Non è necessario che tu ti comporti sempre così

La principale è "non è necessario", dove il verbo è impersonale (quindi, non c'è un soggetto); procediamo con le domande: "cosa non è necessario?" "Che tu ti comporti bene". Potrebbe essere un'oggettiva, visto che risponde alla domanda "che cosa?", ma fate attenzione: quando nella frase che regge la subordinata ("non è necessario") non c’è il soggetto, la subordinata non potrà mai essere oggettiva; è come se dicessimo, infatti, che nella frase "non ci sono i gatti" "i gatti" è complemento oggetto: analisi decisamente sbagliato, dato che il sintagma ha funzione di soggetto.

Possiamo concludere, dunque, scrivendo che, se nella proposizione reggente ci sono verbi che non hanno un soggetto (o meglio, hanno un soggetto generico), la successiva, se è una subordinata che potrebbe corrispondere o a una soggettiva o a una oggettiva, è sicuramente soggettiva.

Provate a svolgere i seguenti esercizi di analisi del periodo:

1. Non penso tu sia soddisfatto di ciò che hai fatto
2. Se fossi in te, direi che la verità non è ancora venuta a galla
3. Si crede che tu non sia all'altezza del problema che ti si è presentato
4. Non potresti semplicemente credere che ho sbagliato?
5. Bisogna che ti dia una mossa o che se la dia qualcun altro



7 commenti:

  1. le risposte dell'esercizio delle subordinate soggettive e oggettive ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo, le risposte non ci sono perché non è un test ma un esercizio: se hai dei dubbi, comunque, chiedi pure!

      MIK

      Elimina
  2. Analisi del periodo, frase n. 8 la subordinata è soggettiva, mentre voi dite il contrario, il contrario anche a quello che avete sostenuto qualche riga sopra. bel servizio fornite agli studenti: bocciati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo, qui non c'è nessuna frase numero otto. Potrebbe essere più preciso, per piacere?

      Elimina
  3. "Possiamo concludere, dunque, scrivendo che, se nella proposizione reggente ci sono verbi come "piovere", "nevicare" e tutti i metereologici, oppure verbi che non hanno un soggetto (o meglio, hanno un soggetto generico), la successiva, se è una subordinata che potrebbe corrispondere o a una soggettiva o a una oggettiva, è sicuramente oggettiva."

    io direi " è sicuramente soggettiva"..... o sbaglio? No, non sbaglio (h)

    RispondiElimina
  4. miiiiii che confusione!!!!
    allora come'è?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la segnalazione: corretta :)

      MIK

      Elimina

LINKUAGGIO? è stato creato da Templateism.com Copyright © 2014

Powered by Blogger.