Definizione di "superuomo": Nietzsche e le cattive interpretazioni



Dare una definizione di "superuomo" vuol dire cadere inevitabilmente in un errore di...


Definizione di Superuomo
Dare una definizione di "superuomo" vuol dire cadere inevitabilmente in un errore di fondo, che è intrinseco alla parola stessa: pensare a un superuomo significa concepire un essere umano superiore, che abbia qualche qualità che lo elevi al di sopra di chi, a differenza sua, non ha peculiarità rilevanti, esseri infimi che potrebbero, vista la loro condizione di secondi, essere soggiogati, trattati come oggetti. Quante cattive interpretazioni sono nate attorno a questo termine nel corso della storia: ecco perché Gianni Vattimo - filosofo e attento studioso del pensiero di Friedrich Nietzsche - ha detto no al superuomo e sì all'oltreuomo.

Se il superuomo, quindi, dà l’idea di superiorità: fa riferimento, cioè, a un essere umano dotato di qualità migliori e maggiori rispetto agli altri, capace di tenere a bada tutti coloro che sono a lui inferiori; l'oltreuomo, invece, è colui che riesce a superarsi continuamente, abbandonando vecchie maschere e vecchi valori, distruggendo e costruendo, e distruggendo anche le nuove costruzioni, per far posto a delle altre, seguendo così un ciclo senza sosta, sempre nuovo e liberatorio; è l'uomo in grado di sciogliere le briglie alla propria volontà di potenza, la quale vuole sempre e solo sé stessa: solo così - come spiega Nietzsche - si può vivere felicemente danzando e ridendo tra la plebaglia e quelle cose che non fanno più orrore.

Volontà di Potenza
Friedrich Nietzsche, quindi, non ha mai sostenuto che “questo uomo” debba sottomettere tutti, anche se alcuni personaggi della storia – come Adolf Hitler – o della nostra letteratura – basti pensare a Gabriele D’Annunzio – hanno “messo in bocca” al filosofo tedesco che non ha mai né scritto né pronunciato. Citiamo un passo tratto dall'aforisma 377 de La gaia scienza, che smonta facilmente la figura di un Nietzsche nazista :

"No, noi non amiamo l'umanità: e d'altro canto siamo ben lontani dall'essere 'tedeschi' abbastanza, nel senso in cui oggi ricorre la parola 'tedesco' nell'uso comune, per metterci dalla parte del nazionalismo e dell'odio di razza".
Hitler, che ha strumentalizzato per i suoi scopi il pensiero del filosofo di Weimar, interpretandolo banalmente, era convinto che la razza ariana avesse l’obbligo, in quanto razza-suprema, di sbarazzarsi di tutti quelli che non avevano il privilegio di discendere dalla stirpe germanica: le conseguenze di questa sua stolta convinzione sono note a tutti.

Veniamo poi a D’Annunzio, che, ritenendosi un superuomo, credeva di possedere qualità artistiche tali da sentirsi più importante della massa informe, incapace di creare cose di rilievo, formata da uomini tutti uguali e di poco valore. Ha enfatizzato alcuni aspetti del "suo superuomo", a tal punto da discostarsi notevolmente da quello nicciano: ne esalta la volontà di potenza, l’impulso che spinge l’uomo a fare della propria vita un'opera d'arte; l’aspetto dionisiaco, l’immersione nel caos della vita, fatta di piaceri e frivolezze; la sua forza, che diventa espressione di violenza.

Superuomo D'Annunzio

Ne Le Vergini delle Rocce, tanto per fare un esempio, il protagonista Claudio Cantelmo vuole accoppiarsi con una donna che abbia, per lui, qualità eccelse; adatta, quindi, a concepire un figlio che avrebbe potuto, un giorno, diventare il re di Roma e capostipite di una razza divina. Ne Il Fuoco, invece, Stelio Effrena riesce ad impadronirsi e ad usare con grande maestria strumenti che gli consento di giungere alla manipolazione della cultura e alla creazione di nuovi modelli di vita, plasmando così, a suo piacimento, l'esistenza delle masse.

L'oltreuomo nicciano non ha niente a che vedere con questi fantocci messi in piedi da Hitler e da D'Annunzio: questo essere nuovo non ha bisogno di creare rapporti di convenienza con gli altri, perché per lui, questa inter-dipendenza, sarebbe solo una grossa debolezza: essere pastore di un gregge - come ci tiene a specificare Nietzsche - significa essere dipendenti dalle pecore che ne fanno parte, perché senza le quali si sentirebbe mancante di qualcosa; ma come abbiamo già detto, l'oltreuomo annichilisce e intesse subito dopo nuovi legame, non provando mai nostalgia per le cose spazzate via in passato: deve essere assolutamente sordo alle preghiere degli dei uccisi.

Essere oltreuomini vuol dire, quindi, semplicemente seguire la propria voce interiore che porta continuamente al superamento delle cose e dei molteplici "sé" o "io", come dir si voglia.



COMMENTI

BLOGGER: 8
Loading...
Nome

Accademia della Crusca Accento Accusativo preposizionale Acronimi Aferesi Aggettivi Aggettivi qualificativi Alessandro Manzoni Analisi Analisi dei testi analisi del periodo Analisi Grammaticale Analisi grammaticale verifica Analisi Logica Apocope Apostrofo Apposizione Articolo Auguri Capodanno Auguri di buon compleanno Auguri di buon onomastico Auguri di Natale Auguri di Pasqua Auguri di San Valentino Auguri per San Faustino Ausiliari Avverbi Bilinguismo blog Bullismo a scuola Capodanno Cattedra 24 ore Che significa? Complementi del latino Complemento oggetto Complemento predicativo del soggetto Complemento predicativo dell'oggetto Concorsi pubblici scuola Concorso scuola 2012 Congiunzione Coordinate Creoli Dante Alighieri De bello Gallico Decameron Declinazioni latino Derivazione Dialetti italiani Dialettologia Dittonghi Divina Commedia Divisione in sillabe Emoticon Enigmistica Errori Grammaticali Esercizi analisi del periodo Esercizi analisi grammaticale Esercizi analisi logica Esercizi divisione in sillabe Esercizi grammatica inglese Esercizi Grammatica Italiana Esercizi sulla punteggiatura Essere e Avere Ferdinand De Saussure Festa dei morti Festa del papà Festa della donna Festa della Mamma Figure retoriche Filosofia del Linguaggio Fonetica e Fonologia Francesco Petrarca Francesco Profumo Ministro Istruzione Frasario Frasi celebri Frasi d'amore Frasi di auguri di Pasqua Frasi di auguri per matrimonio Frasi Festa del Papà Frasi Festa della Befana Frasi Festa della Mamma Frasi Festa delle Donne Frasi Halloween Frasi per Carnevale Frasi per Halloween Frasi Pesce d'Aprile Frasi sull'amicizia Frasi sulla Giornata della Memoria Frasi sulla vita Gabriele d'Annunzio Generativismo Gerundio Giacomo Leopardi Giambattista Vico Giovanni Boccaccio Giovanni Verga Giulio Cesare Grammatica inglese Grammatica Italiana Grammatica Italiana TEST Guide Halloween Halloween 2012 I complementi I Nuovi Mostri Iati Il complemento di termine Il Femminile Il Linguaggio della Filosofia Il Maschile Il plurale Il Principe Il singolare Il verbo IN EVIDENZA Interiezione Italiano Italiano neostandard Karl Marx La lingua italiana EVENTI La Scimmia La Scimmia reality La virgola Latino Le Vocali Letteratura italiana Letteratura italiana del Cinquecento Letteratura italiana del Duecento Letteratura italiana del Novecento Letteratura italiana del Quattrocento Letteratura Italiana del Seicento Letteratura Italiana del Settecento Letteratura italiana del Trecento Letteratura italiana dell'Ottocento Letteratura latina Lettura e metrica latine Lezioni universitarie Lingua inglese Lingua Italiana dei Segni Lingua latina Lingue tonali Linguistica Linguistica Romanza Locuzioni Luigi Pirandello Maiuscola Maturità Maturità 2012 Maturità 2012 prima prova Maturità 2013 Maturità 2013 prima prova Maturità 2014 prima prova Morfologia Natale Natale 2012 Niccolò Machiavelli Noam Chomsky Nome Parole difficili Parole nuove Parole nuove e difficili Parti del discorso Perché si dice? Perifrastica Pesce d'aprile Pidgin Pietro Bembo Platone Poesia italiana Pragmatica Predicato nominale Predicato verbale Preposizioni Preposizioni improprie Present continuous inglese Present simple inglese Prima prova maturità Promessi sposi Pronomi Pronomi Personali Pronomi Relativi Proposizione Principale Proposizioni Prosa italiana Punteggiatura Raddoppiamento fonosintattico Saggi brevi San Valentino Sapete che? Schede didattiche Scienza Nuova Sciopero scuola 2012 Scuola e Istruzione Si dice o non si dice? Si scrive? Sillogismo Sintassi Sintassi dei casi Sociolinguistica Soggetto Strutturalismo Subordinate Tagli alla scuola Teatro italiano Temi svolti Terza declinazione latina Tesi di laurea TFA TFA 2012 Trittonghi Troncamento Ugo Foscolo Univerbazione Università Varie Verbi attivi Verbi inglesi Verbi latini Verbi passivi Verbi riflessivi Verbi servili Verbi sovrabbondanti Verbi suppletivi Verifica analisi del periodo Verifica di analisi logica Versioni tradotte Vita e opere autori letteratura italiana
false
ltr
item
LINKUAGGIO?: Definizione di "superuomo": Nietzsche e le cattive interpretazioni
Definizione di "superuomo": Nietzsche e le cattive interpretazioni
http://3.bp.blogspot.com/-GcquURtG2Nw/ULFyD4XWA-I/AAAAAAAAC1Q/RWDGLDx3xYA/s320/superuomo-nietzsche.jpg
http://3.bp.blogspot.com/-GcquURtG2Nw/ULFyD4XWA-I/AAAAAAAAC1Q/RWDGLDx3xYA/s72-c/superuomo-nietzsche.jpg
LINKUAGGIO?
http://www.linkuaggio.com/2011/10/il-superuomo-di-nietzsche-e-le-cattive.html
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/2011/10/il-superuomo-di-nietzsche-e-le-cattive.html
true
7275283272962022850
UTF-8
Non è stato trovato alcun post LEGGILI TUTTI Di più... Rispondi Cancella la risposta Cancella di Home Pagine Articoli Leggili tutti TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE ARGOMENTI ARCHIVIO SEARCH TUTTI I POST Non è stato trovato alcun post corrispondente alla tua richiesta Back Home domenica lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato dom lun mar mer giov ven sab gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre gen feb mar apr maggio giu lug ago set ott nov dic proprio ora un minuto fa $$1$$ minutes ago un'ora fa $$1$$ hours ago ieri $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago più di cinque settimane fa follower Segui CONTENUTO PREMIUM Condividi per sbloccare Copia tutto Seleziona tutto Tutto è stato copiato Non si può copiare, per piacere premi [CTRL]+[C] (o CMD+C se hai un Mac) per farlo