La roba di Giovanni Verga, riassunto e commento di una illusione



Riassunto dettagliato e commento della novella La roba di Giovanni Verga: guida semplice e immediata ai temi principali


giovanni vergaLa roba è una delle più famose delle Novelle rusticane, una raccolta di Giovanni Verga del 1883, in cui l'autore indaga, con una prospettiva pessimistica, la campagna siciliana, le persone che la abitano e le situazioni che si vengono a creare. Nella raccolta, così come nella novella che stiamo analizzando, emerge appunto un senso amaro che supera la visione presente nei Malavoglia e anticipa piuttosto quella del romanzo successivo, Mastro don Gesualdo

Nel primo romanzo, infatti, i protagonisti opponevano, alla logica del paese e del coro che li osservava, il valore della famiglia, la superiorità dei sentimenti e dell'unità al mero interesse economico; nella novella invece, come vedremo meglio, nulla di tutto ciò esiste più: addirittura il protagonista, Mazzarò, rimpiange di avere speso poche monete per far seppellire la madre, e ci viene presentato come un personaggio che non ha nulla, se non la sua roba.

La "roba", appunto, è il termine più ripetuto nel testo, tanto da renderne quasi superfluo il titolo; l'iterazione rende in modo significativo l'ossessione di Mazzarò per il possesso di oggetti e l'accumulo di ricchezza. Nella prima parte della novella si evoca un fantomatico viaggiatore, che chiedendo a chi incontra a chi appartiene tutto ciò che vede scoprirebbe che si tratta della roba di Mazzarò. La prospettiva iniziale sembra quindi introdurre un eroe, un titano della ricchezza, su cui il viaggiatore potrebbe fantasticare. In realtà il protagonista è un uomo che, nell'aspetto fisico, è assolutamente comune, anzi piccolo di statura (un "omiciattotolo"), ma che è dotato di una testa "che era un brillante".

L'accumulo di roba e i nuovi borghesi

Nel proseguo del racconto il narratore, perfettamente eclissato, elogia la capacità di accumulare roba con ogni mezzo da parte del protagonista, tanto da farlo diventare più ricco del marchese locale. Si tratta quindi di uno dei nuovi borghesi, che si fa da solo, per dir così, e riesce a fare la propria fortuna con le proprie mani e con la propria intelligenza, non sulla base di meriti ricevuti, come nel caso della nobiltà. Mazzarò in effetti non comprende le abitudini nobili, che sono antiproduttive e che, con la loro mancanza di logica, hanno portato il marchese a dover vendergli tutto. Commenta quindi: "la roba non è di chi ce l'ha, ma di chi la sa fare". 

Nella sua visione rozza e primitiva, priva di logiche famigliari o civili, Mazzarò ritiene ingiusto anche il pagamento delle tasse, che gli portano via una piccola parte della sua fortuna, dimostrando quindi di non comprendere le più elementari logiche della vita civile e sociale. Questa esaltazione lo porta a desiderare un controllo persino sulle forze della natura, come per altro già anticipato all'inizio del racconto, quando il narratore osserva che "pareva che fosse di Mazzarò perfino il sole che tramontava, e le cicale che ronzavano, e gli uccelli che andavano a rannicchiarsi col volo breve dietro le zolle, e il sibilo dell'assiolo nel bosco".

La roba, il finale della novella come disinganno

Proprio nel brevissimo finale tale prospettiva giunge alla sua drammatica conclusione: in punto di morte Mazzarò si rende conto che tutta la roba che ha accumulato non potrà seguirlo nella tomba ed esce quindi nell'aia nel disperato tentativo di uccidere le anatre e i tacchini. Se dal punto di vista delle persone o del narratore questo gesto è ridicolo e mostra la bassezza del protagonista, da un altro punto di vista il suo gesto è drammatico: non è possibile controllare la natura, tanto meno la morte, e l'intera vita di Mazzarò è stata spesa, con mille sacrifici e privazioni, per qualcosa che alfine egli non può godersi e che drammaticamente gli sopravvive, pur non appartenendogli più. 

Come è evidente, non esiste più la logica dei Malavoglia: l'eroe è solo perché ha voluto essere solo e non ha compreso che la famiglia può costituire un nucleo di salvezza parziale. È cambiato però il punto di vista dello stesso Giovanni Verga, che ormai è interessato solo alla descrizione delle logiche bestiali della campagna siciliana.


COMMENTI

BLOGGER
Nome

Accademia della Crusca Accento Accusativo preposizionale Acronimi Aferesi Aggettivi Aggettivi qualificativi Alessandro Manzoni Analisi Analisi dei testi analisi del periodo Analisi Grammaticale Analisi grammaticale verifica Analisi Logica Apocope Apostrofo Apposizione Articolo Auguri Capodanno Auguri di buon compleanno Auguri di buon onomastico Auguri di Natale Auguri di Pasqua Auguri di San Valentino Auguri per San Faustino Ausiliari Avverbi Bilinguismo blog Bullismo a scuola Capodanno Cattedra 24 ore Che significa? Complementi del latino Complemento oggetto Complemento predicativo del soggetto Complemento predicativo dell'oggetto Concorsi pubblici scuola Concorso scuola 2012 Congiunzione Coordinate Creoli Dante Alighieri De bello Gallico Decameron Declinazioni latino Derivazione Dialetti italiani Dialettologia Dittonghi Divina Commedia Divisione in sillabe Emoticon Enigmistica Errori Grammaticali Esercizi analisi del periodo Esercizi analisi grammaticale Esercizi analisi logica Esercizi divisione in sillabe Esercizi grammatica inglese Esercizi Grammatica Italiana Esercizi sulla punteggiatura Essere e Avere Ferdinand De Saussure Festa dei morti Festa del papà Festa della donna Festa della Mamma Figure retoriche Filosofia del Linguaggio Fonetica e Fonologia Francesco Petrarca Francesco Profumo Ministro Istruzione Frasario Frasi celebri Frasi d'amore Frasi di auguri di Pasqua Frasi di auguri per matrimonio Frasi Festa del Papà Frasi Festa della Befana Frasi Festa della Mamma Frasi Festa delle Donne Frasi Halloween Frasi per Carnevale Frasi per Halloween Frasi Pesce d'Aprile Frasi sull'amicizia Frasi sulla Giornata della Memoria Frasi sulla vita Gabriele d'Annunzio Generativismo Gerundio Giacomo Leopardi Giambattista Vico Giovanni Boccaccio Giovanni Verga Giulio Cesare Grammatica inglese Grammatica Italiana Grammatica Italiana TEST Guide Halloween Halloween 2012 I complementi I Nuovi Mostri Iati Il complemento di termine Il Femminile Il Linguaggio della Filosofia Il Maschile Il plurale Il Principe Il singolare Il verbo IN EVIDENZA Interiezione Italiano Italiano neostandard Karl Marx La lingua italiana EVENTI La Scimmia La Scimmia reality La virgola Latino Le Vocali Letteratura italiana Letteratura italiana del Cinquecento Letteratura italiana del Duecento Letteratura italiana del Novecento Letteratura italiana del Quattrocento Letteratura Italiana del Seicento Letteratura Italiana del Settecento Letteratura italiana del Trecento Letteratura italiana dell'Ottocento Letteratura latina Lettura e metrica latine Lezioni universitarie Lingua inglese Lingua Italiana dei Segni Lingua latina Lingue tonali Linguistica Linguistica Romanza Locuzioni Luigi Pirandello Maiuscola Maturità Maturità 2012 Maturità 2012 prima prova Maturità 2013 Maturità 2013 prima prova Maturità 2014 prima prova Morfologia Natale Natale 2012 Niccolò Machiavelli Noam Chomsky Nome Parole difficili Parole nuove Parole nuove e difficili Parti del discorso Perché si dice? Perifrastica Pesce d'aprile Pidgin Pietro Bembo Platone Poesia italiana Pragmatica Predicato nominale Predicato verbale Preposizioni Preposizioni improprie Present continuous inglese Present simple inglese Prima prova maturità Promessi sposi Pronomi Pronomi Personali Pronomi Relativi Proposizione Principale Proposizioni Prosa italiana Punteggiatura Raddoppiamento fonosintattico Saggi brevi San Valentino Sapete che? Schede didattiche Scienza Nuova Sciopero scuola 2012 Scuola e Istruzione Si dice o non si dice? Si scrive? Sillogismo Sintassi Sintassi dei casi Sociolinguistica Soggetto Strutturalismo Subordinate Tagli alla scuola Teatro italiano Temi svolti Terza declinazione latina Tesi di laurea TFA TFA 2012 Trittonghi Troncamento Ugo Foscolo Univerbazione Università Varie Verbi attivi Verbi inglesi Verbi latini Verbi passivi Verbi riflessivi Verbi servili Verbi sovrabbondanti Verbi suppletivi Verifica analisi del periodo Verifica di analisi logica Versioni tradotte Vita e opere autori letteratura italiana
false
ltr
item
LINKUAGGIO?: La roba di Giovanni Verga, riassunto e commento di una illusione
La roba di Giovanni Verga, riassunto e commento di una illusione
Riassunto dettagliato e commento della novella La roba di Giovanni Verga: guida semplice e immediata ai temi principali
http://4.bp.blogspot.com/-lud7DLs1Ls4/UlWMbO0CyzI/AAAAAAAAIyc/dgijSvoqyp8/s320/ritratto+di+giovanni+verga.jpg
http://4.bp.blogspot.com/-lud7DLs1Ls4/UlWMbO0CyzI/AAAAAAAAIyc/dgijSvoqyp8/s72-c/ritratto+di+giovanni+verga.jpg
LINKUAGGIO?
http://www.linkuaggio.com/2013/10/la-roba-di-giovanni-verga-riassunto-e.html
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/2013/10/la-roba-di-giovanni-verga-riassunto-e.html
true
7275283272962022850
UTF-8
Non è stato trovato alcun post LEGGILI TUTTI Di più... Rispondi Cancella la risposta Cancella di Home Pagine Articoli Leggili tutti TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE ARGOMENTI ARCHIVIO SEARCH TUTTI I POST Non è stato trovato alcun post corrispondente alla tua richiesta Back Home domenica lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato dom lun mar mer giov ven sab gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre gen feb mar apr maggio giu lug ago set ott nov dic proprio ora un minuto fa $$1$$ minutes ago un'ora fa $$1$$ hours ago ieri $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago più di cinque settimane fa follower Segui CONTENUTO PREMIUM Condividi per sbloccare Copia tutto Seleziona tutto Tutto è stato copiato Non si può copiare, per piacere premi [CTRL]+[C] (o CMD+C se hai un Mac) per farlo