Le fonti di una tesi di laurea: quali scegliere e come sceglierle per la bibliografia finale



Ecco una semplice guida per cercare e scegliere le fonti giuste della tesi di laurea: i consigli di Linkuaggio per fare un buon lavoro


le fonti di una tesi di laurea
Scrivere una tesi di laurea non è un’impresa ma non è neanche una passeggiata, a partire dalla ricerca e dalla scelta delle fonti: può sembrare una cosa da niente, ma, per fare una buona tesi, bisogna davvero trovare le letture giuste e i riferimenti giusti, altrimenti si rischia di presentare un lavoro magari originale ma non basato su documenti attinenti e necessari per sostenere la tesi (libri, saggi, articoli di riviste e così via).

La prima cosa da fare per scrivere una buona tesi è cercare le fonti adatte: dovete avere ben chiaro, ovviamente, l’argomento che volete trattare, almeno nelle sue linee generali, sia che la tesi sia di tipo sperimentale (e quindi riguardi un argomento non o poco studiato) sia che la tesi sia di tipo compilativo (e quindi consista essenzialmente nel rielaborare cose già dette, magari in modo particolare e con attenzione a certi aspetti: potrei parlare di un autore letterario, per esempio, e sistemarne tutte le opinioni della critica, dando, infine, un mio giudizio).

Cercare le fonti nella fonte

In genere, i testi di partenza sono indicati dal relatore che segue la tesi: da questo testo sarà molto semplice arrivare a tutti gli altri; in effetti, vi basterà non solo leggere tra le note del libro o del saggio, ma anche nella bibliografia finale per avere dei riferimenti puntuali sull'argomento trattato. Ricordate, comunque, che vanno considerati diversi tipi di documento: se voglio fare un’indagine di tipo linguistico su dei testi dell’Ottocento, per esempio, non andrò ad analizzare solo le grammatiche ottocentesche ma anche dei testi che parlano di autori ottocenteschi, magari delle miscellanee. Dovete imparare, insomma, a saper leggere la fonte che avete,e a sfruttarla nel migliore dei modi: devo fare una tesi su Dante Alighieri? Benissimo: non mi limiterò solo a scegliere saggi e testi sulla sua vita e sulle opere; potrei anche decidere, per esempio, di leggere un testo che riguardi un autore che ha commentato la Commedia dantesca: questo non perché ci interessi cosa dica quell'autore – potrebbe essere qualcosa di non attinente al nostro percorso – quanto perché la sua bibliografia potrebbe nascondere degli importanti riferimenti bibliografici. Una fonte nella fonte, insomma!

Citare sempre e puntualmente le fonti

Se avete ben chiaro che scegliere le fonti significa spulciare per bene la bibliografia dei testi che avete sotto mano, siete già a buon punto: un ulteriore passo per scrivere una buona tesi di laurea è quello di imparare a sfruttare le fonti che avete, per costruire un buon testo. Questo significa che tutto ciò che asserite come dato di fatto, e quindi come qualcosa di conosciuto e quasi scontato, deve essere supportato da una o più fonti: per dire, se scrivo che è noto che Alessandro Manzoni abbia sostituito il tipo ‘io amava’ con il tipo ‘io amavo’ nel passaggio alla Quarantana, dovrò inserire un apice che rimanda a una fonte che illustri bene l’argomento in questione (tale fonte, ovviamente, va citata nel modo più preciso possibile, quindi con riferimento ad autore, titolo, anno di pubblicazione e pagina: quest’ultimo elemento è molto importante).

Non leggete per intero le fonti scelte

Avete scelto le vostre fonti e individuato una bibliografia di partenza; sapete che le fonti vanno citata sempre quando date qualcosa per scontato, e siamo arrivati a un altro consiglio per scrivere bene una tesi di laurea: non dovete leggere le fonti per intero, ma rintracciare la parte che più vi interessa, al fine di costruire il vostro discorso, che sia da integrare nel primo o nell'ultimo paragrafo del lavoro. Molto spesso ci saranno fonti che diranno la stessa cosa, e potrete citarle anche tutte, purché facciate capire, nelle note a piè pagina, qual è il motivo per cui le state citando: ricordate che chi legge deve capire tutto di ciò che scrivete.

L'apparato bibliografico deve essere ricco di fonti diverse

Un buon apparato bibliografico non deve essere povero; la ricchezza, però, non va intesa come l’inserimento di tante fonti nella bibliografia, quanto l’inserimento di tante fonti diverse: non posso citare dieci grammatiche ottocentesche, per fare un esempio, e non citare neanche un saggio sulla punteggiatura dell’Ottocento o sul lessico dell’Ottocento, se quella che voglio fare è un’analisi linguistica. Agite sempre con criterio: la quantità viene apprezzata se è sinonimo di qualità.

Come cercare i libri per la tesi di laurea

Infine, un’indicazione tecnica per cercare le fonti che volete leggere: un’indicazione da ex universitario, insomma. Il primo posto in cui cercare – come ho detto – è il libro da cui partite; dopodiché date un’occhiata al Web, che è una fonte inesauribile di risorse: pensate a quanti libri potrete trovare su Google Books, e non parlo solo di copertine; parlo proprio di testi interi, che magari non troverete nella vostra biblioteca comunale o in quella della vostra Università. In biblioteca, ovviamente, dovrete andarci, e qui potrete fare riferimento ai bibliotecari oppure ai software installati sui vari computer, che vi permetteranno di ricercare non soltanto per titolo ma anche per autore, per tema e parole chiave e così via.

Come scegliere e trovare le fonti per la tesi di laurea: un riassunto

Cerchiamo di fare un riassunto su come vanno usate le fonti per la tesa di laurea:
  1. Cercare le fonti nella fonte principale, e dunque individuare i libri utili al vostro discorso nel testo suggeritovi dal vostro relatore;
  2. Consultare Google Books e gli strumenti messi a disposizione dal Web, prima di andare in biblioteca;
  3. Scegliere fonti attinenti e varie: anche una fonte che potrebbe non sembrarvi utile potrebbe rivelarsi più utile di quelle scelte all'inizio; 
  4. Citare le fonti che scegliete, anche in modo strategico, per dimostrare che avete davvero fatto un buon lavoro di ricerca.
Con questi quattro consigli, potrete iniziare a scrivere una tesi di laurea con i fiocchi: in bocca al lupo!


COMMENTI

BLOGGER
Nome

Accademia della Crusca Accento Accusativo preposizionale Acronimi Aferesi Aggettivi Aggettivi qualificativi Alessandro Manzoni Analisi Analisi dei testi analisi del periodo Analisi Grammaticale Analisi grammaticale verifica Analisi Logica Apocope Apostrofo Apposizione Articolo Auguri Capodanno Auguri di buon compleanno Auguri di buon onomastico Auguri di Natale Auguri di Pasqua Auguri di San Valentino Auguri per San Faustino Ausiliari Avverbi Bilinguismo blog Bullismo a scuola Capodanno Cattedra 24 ore Che significa? Complementi del latino Complemento oggetto Complemento predicativo del soggetto Complemento predicativo dell'oggetto Concorsi pubblici scuola Concorso scuola 2012 Congiunzione Coordinate Creoli Dante Alighieri De bello Gallico Decameron Declinazioni latino Derivazione Dialetti italiani Dialettologia Dittonghi Divina Commedia Divisione in sillabe Emoticon Enigmistica Errori Grammaticali Esercizi analisi del periodo Esercizi analisi grammaticale Esercizi analisi logica Esercizi divisione in sillabe Esercizi grammatica inglese Esercizi Grammatica Italiana Esercizi sulla punteggiatura Essere e Avere Ferdinand De Saussure Festa dei morti Festa del papà Festa della donna Festa della Mamma Figure retoriche Filosofia del Linguaggio Fonetica e Fonologia Francesco Petrarca Francesco Profumo Ministro Istruzione Frasario Frasi celebri Frasi d'amore Frasi di auguri di Pasqua Frasi di auguri per matrimonio Frasi Festa del Papà Frasi Festa della Befana Frasi Festa della Mamma Frasi Festa delle Donne Frasi Halloween Frasi per Carnevale Frasi per Halloween Frasi Pesce d'Aprile Frasi sull'amicizia Frasi sulla Giornata della Memoria Frasi sulla vita Gabriele d'Annunzio Generativismo Gerundio Giacomo Leopardi Giambattista Vico Giovanni Boccaccio Giovanni Verga Giulio Cesare Grammatica inglese Grammatica Italiana Grammatica Italiana TEST Guide Halloween Halloween 2012 I complementi I Nuovi Mostri Iati Il complemento di termine Il Femminile Il Linguaggio della Filosofia Il Maschile Il plurale Il Principe Il singolare Il verbo IN EVIDENZA Interiezione Italiano Italiano neostandard Karl Marx La lingua italiana EVENTI La Scimmia La Scimmia reality La virgola Latino Le Vocali Letteratura italiana Letteratura italiana del Cinquecento Letteratura italiana del Duecento Letteratura italiana del Novecento Letteratura italiana del Quattrocento Letteratura Italiana del Seicento Letteratura Italiana del Settecento Letteratura italiana del Trecento Letteratura italiana dell'Ottocento Letteratura latina Lettura e metrica latine Lezioni universitarie Lingua inglese Lingua Italiana dei Segni Lingua latina Lingue tonali Linguistica Linguistica Romanza Locuzioni Luigi Pirandello Maiuscola Maturità Maturità 2012 Maturità 2012 prima prova Maturità 2013 Maturità 2013 prima prova Maturità 2014 prima prova Morfologia Natale Natale 2012 Niccolò Machiavelli Noam Chomsky Nome Parole difficili Parole nuove Parole nuove e difficili Parti del discorso Perché si dice? Perifrastica Pesce d'aprile Pidgin Pietro Bembo Platone Poesia italiana Pragmatica Predicato nominale Predicato verbale Preposizioni Preposizioni improprie Present continuous inglese Present simple inglese Prima prova maturità Promessi sposi Pronomi Pronomi Personali Pronomi Relativi Proposizione Principale Proposizioni Prosa italiana Punteggiatura Raddoppiamento fonosintattico Saggi brevi San Valentino Sapete che? Schede didattiche Scienza Nuova Sciopero scuola 2012 Scuola e Istruzione Si dice o non si dice? Si scrive? Sillogismo Sintassi Sintassi dei casi Sociolinguistica Soggetto Strutturalismo Subordinate Tagli alla scuola Teatro italiano Temi svolti Terza declinazione latina Tesi di laurea TFA TFA 2012 Trittonghi Troncamento Ugo Foscolo Univerbazione Università Varie Verbi attivi Verbi inglesi Verbi latini Verbi passivi Verbi riflessivi Verbi servili Verbi sovrabbondanti Verbi suppletivi Verifica analisi del periodo Verifica di analisi logica Versioni tradotte Vita e opere autori letteratura italiana
false
ltr
item
LINKUAGGIO?: Le fonti di una tesi di laurea: quali scegliere e come sceglierle per la bibliografia finale
Le fonti di una tesi di laurea: quali scegliere e come sceglierle per la bibliografia finale
Ecco una semplice guida per cercare e scegliere le fonti giuste della tesi di laurea: i consigli di Linkuaggio per fare un buon lavoro
http://4.bp.blogspot.com/-0JBx1EFjNzw/VON_T3_MRnI/AAAAAAAAMp0/U4N0MokHE5A/s1600/tesi%2Bdi%2Blaurea.jpg
http://4.bp.blogspot.com/-0JBx1EFjNzw/VON_T3_MRnI/AAAAAAAAMp0/U4N0MokHE5A/s72-c/tesi%2Bdi%2Blaurea.jpg
LINKUAGGIO?
http://www.linkuaggio.com/2015/02/le-fonti-di-una-tesi-di-laurea-quali.html
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/2015/02/le-fonti-di-una-tesi-di-laurea-quali.html
true
7275283272962022850
UTF-8
Non è stato trovato alcun post LEGGILI TUTTI Di più... Rispondi Cancella la risposta Cancella di Home Pagine Articoli Leggili tutti TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE ARGOMENTI ARCHIVIO SEARCH TUTTI I POST Non è stato trovato alcun post corrispondente alla tua richiesta Back Home domenica lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato dom lun mar mer giov ven sab gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre gen feb mar apr maggio giu lug ago set ott nov dic proprio ora un minuto fa $$1$$ minutes ago un'ora fa $$1$$ hours ago ieri $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago più di cinque settimane fa follower Segui CONTENUTO PREMIUM Condividi per sbloccare Copia tutto Seleziona tutto Tutto è stato copiato Non si può copiare, per piacere premi [CTRL]+[C] (o CMD+C se hai un Mac) per farlo