Decameron, Giovanni Boccaccio: riassunto di temi e struttura dell'opera



Riassunto del Decameron di Giovanni Boccaccio: temi, struttura e protagonisti di un'opera che ha segnato la prosa e la lingua italiana fino al Settecento


Decameron Boccaccio
Il Decameron di Giovanni Boccaccio è un indiscutibile punto di riferimento nel mondo della prosa italiana: la sua eredità ha condizionato lo sviluppo della nostra lingua fino al Settecento, più di tutti quegli autori che ne hanno seguito le orme, almeno in linea di massima (uno degli esempi più famosi è costituito dal Trecentonovelle di Franco Sacchetti, redatto forse agli inizi del 1392, e comunque diverso nella struttura).

La raccolta di novelle è stata scritta fra il 1348 e il 1353. Particolarmente significativa è la data del 1348, l’anno della peste: nella storia, infatti, il narratore racconta che a causa della peste a Firenze sette fanciulle e tre giovani decidono di ritirarsi in campagna per sfuggire alla malattia, e di trascorre il tempo “novellando”, ossia raccontando delle novelle agli altri.

La struttura del Decameron e i protagonisti

I protagonisti sono caratterizzati tra loro ma non profondamente a livello psicologico; questo, però, non ha impedito a Vittore Branca, il più grande boccaccista del Novecento, di mettere in evidenza proprio l'espressivismo e la caratterizzazione del Decamerone; appaiono quindi come dei personaggi piatti, ma fino a un certo punto. Tale racconto, comunque,costituisce la cornice; si organizzano poi dieci giornate, in ciascuna della quali ogni narratore racconterà una novella, per giungere al numero di cento ("Decameron" significa proprio "[opera di] dieci giornate"). Ogni giornata ha un re o una regina, a turno, che decide quale tema trattare all’interno della propria novella.

Tale struttura, che apparentemente ricorda il rigoroso numero cento dantesco, viene però variata dall’interno; l’ordine quindi, pur presente, non viene rispettato. Innanzitutto, la prima e la nona giornata sono a tema libero; inoltre, Dioneo ottiene non solo il privilegio di raccontare sempre per ultimo, ma anche di trattare sempre un tema libero, slegato dalla giornata. Infine, il numero totale delle novelle non è cento, poiché nel proemio alla IV giornata il narratore interviene a raccontare una ulteriore novella, quella delle papere. La mancanza di un ordine rigoroso, o i suoi stravolgimenti interni, serve all’autore per ricordarci che non esiste una prospettiva teologica compiuta; esiste invece un ordine umano, che si può riscontrare in una serie di simmetrie.

Decameron, i temi nelle novelle delle dieci giornate

La prima novella della prima giornata è quella di Ser Ciappelletto, il peggior uomo che sia mai esistito sulla terra; all’opposto, l’ultima della decima giornata ha per protagonista Griselda, donna di somma virtù. Si può poi individuare una struttura simmetrica: prendendo la VI giornata come centro (la virtù della parola), si vede che le due giornate precedenti riguardano l’amore, mentre le due successive (VII e VIII) trattano il tema dell’intelligenza umana. La struttura d’ordine si nota anche tra novella e novella, poiché a volte esse costituiscono dei dittici per opposizione o per simmetria.

Per comodità riportiamo uno schema dei temi e dei re o regine:
  1. Tema libero (Pampinea)
  2. Avventure a lieto fine (Filomena)
  3. Il tema dell’industria (Neifile)
  4. Amori infelici (Filostrato)
  5. Amori felici (Fiammetta)
  6. Virtù della parola (Elissa)
  7. Beffe delle mogli ai mariti (Dioneo)
  8. Altre beffe (Lauretta)
  9. Tema libero (Emilia)
  10. Liberalità (Panfilo)

Nelle novelle, l'industria umana

Nel Decameron si incontrano alcuni temi ricorrenti. Innanzitutto l’industria umana, che costituisce la capacità di superare gli ostacoli che ci vengono posti davanti. L’industria è l’iniziativa umana, che cerca di dominare la realtà a proprio vantaggio; non c’è quindi un’accezione morale, poiché il narratore non giudica moralmente le azioni dei suoi personaggi, se queste servono loro per sfuggire da situazioni pericolose o problematiche. Un esempio è Andreuccio da Perugia (II, 5), che impara a cavarsela e non si fa infine scrupolo a rubare l’anello di un vescovo per poter riavere le proprie sostanze, o almeno parte del capitale iniziale. 

La fortuna (antagonista dell'industria) fra i temi principali

La fortuna è poi una delle tematiche principali. Essa costituisce una variabile imprevedibile, non regolata da Dio; in qualche modo costituisce l’antagonista dell’industria, poiché è indipendente dall’uomo. Costituisce quindi una forza irrazionale che può essere avversa all’uomo, ma anche favorevole (esemplare, in questo caso, la novella di Landolfo Rufolo (II, 4). Si può osservare che l’importanza data alla fortuna risponde a una precisa condizione storica, ossia al trionfo della borghesia mercantile, poiché il mercante crea o distrugge la propria ricchezza anche sulla base della fortuna. Boccaccio mostra di apprezzare chi riesce ad acquistare denaro. La fortuna può anche essere superata attraverso l’onestà, ossia attraverso una virtù sociale, che recuperi i valori degli antichi trasportandoli nella modernità, senza però guardare solo alla vita celeste, ma al contrario: essendo ben consapevoli della realtà e della natura dell’uomo. 

L'amore grande protagonista: mai celeste o divino

L’amore è decisamente presente in molte novelle, e protagonista di alcune giornate. È una forza che muove l’uomo e a volte riesce a stuzzicarne l’industria; è però una forza terrena e umana, non celeste o divina. L’amore non deve mai essere frenato (e ciò costituisce una differenza notevole con la tradizione dantesca), tanto che si può dire che, pur di ottenere l’oggetto d’amore, bisogna fare di tutto. Può anche essere licenzioso e viene così narrato; Boccaccio è infatti intenzionato a creare una letteratura laica, lontana dal moralismo.

Il sesso e la censura dell'Inquisizione

Il sesso è presente nelle novelle, anche in modo esplicito, ma non è mai osceno; semmai rappresentato con naturalismo. Tale atteggiamento non venne compreso dalla tradizione successiva, tanto che il Decameron fu censurato dall'Inquisizione durante la Controriforma e girò in una versione “alleggerita” e “purificata", almeno a livello contenutistico: dal punto di vista linguistico, invece, chi intervenne sull'opera di Boccaccio (per esempio, Lionardo Salviati) riuscì a salvaguardarne la patina arcaica, che tanto avrebbe pesato sulla storia della nostra lingua. 


COMMENTI

BLOGGER
Nome

Accademia della Crusca Accento Accusativo preposizionale Acronimi Aferesi Aggettivi Aggettivi qualificativi Alessandro Manzoni Analisi Analisi dei testi analisi del periodo Analisi Grammaticale Analisi grammaticale verifica Analisi Logica Apocope Apostrofo Apposizione Articolo Auguri Capodanno Auguri di buon compleanno Auguri di buon onomastico Auguri di Natale Auguri di Pasqua Auguri di San Valentino Auguri per San Faustino Ausiliari Avverbi Bilinguismo blog Bullismo a scuola Capodanno Cattedra 24 ore Che significa? Complementi del latino Complemento oggetto Complemento predicativo del soggetto Complemento predicativo dell'oggetto Concorsi pubblici scuola Concorso scuola 2012 Congiunzione Coordinate Creoli Dante Alighieri De bello Gallico Decameron Declinazioni latino Derivazione Dialetti italiani Dialettologia Dittonghi Divina Commedia Divisione in sillabe Emoticon Enigmistica Errori Grammaticali Esercizi analisi del periodo Esercizi analisi grammaticale Esercizi analisi logica Esercizi divisione in sillabe Esercizi grammatica inglese Esercizi Grammatica Italiana Esercizi sulla punteggiatura Essere e Avere Ferdinand De Saussure Festa dei morti Festa del papà Festa della donna Festa della Mamma Figure retoriche Filosofia del Linguaggio Fonetica e Fonologia Francesco Petrarca Francesco Profumo Ministro Istruzione Frasario Frasi celebri Frasi d'amore Frasi di auguri di Pasqua Frasi di auguri per matrimonio Frasi Festa del Papà Frasi Festa della Befana Frasi Festa della Mamma Frasi Festa delle Donne Frasi Halloween Frasi per Carnevale Frasi per Halloween Frasi Pesce d'Aprile Frasi sull'amicizia Frasi sulla Giornata della Memoria Frasi sulla vita Gabriele d'Annunzio Generativismo Gerundio Giacomo Leopardi Giambattista Vico Giovanni Boccaccio Giovanni Verga Giulio Cesare Grammatica inglese Grammatica Italiana Grammatica Italiana TEST Guide Halloween Halloween 2012 I complementi I Nuovi Mostri Iati Il complemento di termine Il Femminile Il Linguaggio della Filosofia Il Maschile Il plurale Il Principe Il singolare Il verbo IN EVIDENZA Interiezione Italiano Italiano neostandard Karl Marx La lingua italiana EVENTI La Scimmia La Scimmia reality La virgola Latino Le Vocali Letteratura italiana Letteratura italiana del Cinquecento Letteratura italiana del Duecento Letteratura italiana del Novecento Letteratura italiana del Quattrocento Letteratura Italiana del Seicento Letteratura Italiana del Settecento Letteratura italiana del Trecento Letteratura italiana dell'Ottocento Letteratura latina Lettura e metrica latine Lezioni universitarie Lingua inglese Lingua Italiana dei Segni Lingua latina Lingue tonali Linguistica Linguistica Romanza Locuzioni Luigi Pirandello Maiuscola Maturità Maturità 2012 Maturità 2012 prima prova Maturità 2013 Maturità 2013 prima prova Maturità 2014 prima prova Morfologia Natale Natale 2012 Niccolò Machiavelli Noam Chomsky Nome Parole difficili Parole nuove Parole nuove e difficili Parti del discorso Perché si dice? Perifrastica Pesce d'aprile Pidgin Pietro Bembo Platone Poesia italiana Pragmatica Predicato nominale Predicato verbale Preposizioni Preposizioni improprie Present continuous inglese Present simple inglese Prima prova maturità Promessi sposi Pronomi Pronomi Personali Pronomi Relativi Proposizione Principale Proposizioni Prosa italiana Punteggiatura Raddoppiamento fonosintattico Saggi brevi San Valentino Sapete che? Schede didattiche Scienza Nuova Sciopero scuola 2012 Scuola e Istruzione Si dice o non si dice? Si scrive? Sillogismo Sintassi Sintassi dei casi Sociolinguistica Soggetto Strutturalismo Subordinate Tagli alla scuola Teatro italiano Temi svolti Terza declinazione latina Tesi di laurea TFA TFA 2012 Trittonghi Troncamento Ugo Foscolo Univerbazione Università Varie Verbi attivi Verbi inglesi Verbi latini Verbi passivi Verbi riflessivi Verbi servili Verbi sovrabbondanti Verbi suppletivi Verifica analisi del periodo Verifica di analisi logica Versioni tradotte Vita e opere autori letteratura italiana
false
ltr
item
LINKUAGGIO?: Decameron, Giovanni Boccaccio: riassunto di temi e struttura dell'opera
Decameron, Giovanni Boccaccio: riassunto di temi e struttura dell'opera
Riassunto del Decameron di Giovanni Boccaccio: temi, struttura e protagonisti di un'opera che ha segnato la prosa e la lingua italiana fino al Settecento
http://3.bp.blogspot.com/-gB4UfrjVTs0/UfxMUbaFtUI/AAAAAAAAH4k/JgSIAkWdw_E/s320/I+protagonisti+del+Decameron+Boccaccio.jpg
http://3.bp.blogspot.com/-gB4UfrjVTs0/UfxMUbaFtUI/AAAAAAAAH4k/JgSIAkWdw_E/s72-c/I+protagonisti+del+Decameron+Boccaccio.jpg
LINKUAGGIO?
http://www.linkuaggio.com/2013/08/decameron-giovanni-boccaccio-riassunto.html
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/2013/08/decameron-giovanni-boccaccio-riassunto.html
true
7275283272962022850
UTF-8
Non è stato trovato alcun post LEGGILI TUTTI Di più... Rispondi Cancella la risposta Cancella di Home Pagine Articoli Leggili tutti TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE ARGOMENTI ARCHIVIO SEARCH TUTTI I POST Non è stato trovato alcun post corrispondente alla tua richiesta Back Home domenica lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato dom lun mar mer giov ven sab gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre gen feb mar apr maggio giu lug ago set ott nov dic proprio ora un minuto fa $$1$$ minutes ago un'ora fa $$1$$ hours ago ieri $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago più di cinque settimane fa follower Segui CONTENUTO PREMIUM Condividi per sbloccare Copia tutto Seleziona tutto Tutto è stato copiato Non si può copiare, per piacere premi [CTRL]+[C] (o CMD+C se hai un Mac) per farlo