Esempi di nomi astratti e concreti: differenza, spiegazione e guida ai casi più difficili

Gli esempi di nomi astratti e concreti che troverete in questa spiegazione vi permetteranno di capire bene la differenza e di affrontare anche i casi più difficili per non sbagliare l'analisi grammaticale. Una guida che può essere utile tanto ai più piccoli alle prese con gli esercizi quanto ai più grandi alle prese con concorsi. Pronti?


lezione di grammatica in classe
Questa è una lezione che partirà dagli esempi di nomi astratti e concreti per parlare generalmente dell'argomento e farvi riflettere su alcune importanti questioni. Vi aiuteremo cioè nello svolgimento degli esercizi, per esempio nel fare l'analisi grammaticale di alcune parole, e nel superamento delle verifiche in classe, e al tempo stesso ci soffermeremo su alcuni aspetti: non è una cosa inutile, ve lo diciamo subito, perché, anche se capire quando un nome è astratto e quando un nome è concreto non è difficile, spesso si possono avere parecchi dubbi e noi siamo qui per toglierveli tutti. Siamo qui per questo, no? Veniamo subito al dunque e iniziamo con la definizione di nome astratto e concreto perché ne abbiamo di cose da dirvi sull'argomento.

Il nome concreto indica un referente che può essere percepito tramite i cinque sensi: mela ad esempio indica un frutto che può essere assaggiato, odorato, toccato e visto (anche se non sentito); felicità al contrario è un nome che indica uno stato d'animo che non può essere visto né sentito né odorato né toccato né ascoltato. Noi vediamo le persone felici ma non la felicità: la felicità non ha un volto, non ha una voce, non può essere toccata, non può essere annusata e non può essere gustata (non in senso stretto, almeno). La differenza tra nome astratto e concreto è proprio questa.

I problemi iniziano con parole come secondo (inteso come periodo di tempo): lo vedete il secondo? Lo sentite, annusate, toccate o gustate? Ovviamente no Eppure siamo convinti che più di qualcuno di voi sbarrerebbe gli occhi se sapesse che secondo è un nome astratto: stando alla definizione il nome è senz'altro classificabile così ma la definizione ci pare insufficiente in questo caso. Come può il secondo, una parte del tempo che scorre, essere considerato un'astrazione? Magari non è un nome concreto ma non è neanche astratto, non trovate? Lo stesso vale per giorno (inteso come periodo di tempo di 24 ore), anno e così via.  

Seguendo questo sommario avrete a vostra disposizione non solo tanti esempi di nomi concreti e astratti ma anche una serie di consigli su come comportarvi nei casi più difficili:
Fra gli esempi di nome concreto spiccano senz'altro parole come aria, bottiglia, cane, computer, giravolta, mano, nuvola, ragazzo, stormo (che è un nome collettivo) e così via; ognuno dei referenti infatti è percepibile con almeno uno dei cinque sensi. Ed è questo il criterio che dovrete sempre seguire per capire se un nome è astratto o concreto, sia che siate in una scuola primaria (magari siete dei genitori che stanno cercando di capirci qualcosa) sia che stiate frequentando la scuola media o stiate ripassando in vista di un concorso pubblico.

Alcune frasi con i nomi concreti:
  1. La mano di Luigi è molto grande;
  2. Il tulipano è un fiore bellissimo.
Qui trovate altre 20 frasi d'esempio che contengono nomi concreti e che vi torneranno senz'altro utili se avete bisogno di fare velocemente gli esercizi (ma solo se avete studiato bene, occhio!).
Fra gli esempi di nome astratto invece troviamo bontà, bravura, caratteristica, cattiveria, paura, personalità, sentimento, timidezza, timore ecc. Si tratta infatti di nomi che non sono percepibili con i cinque sensi e che quindi non hanno nulla di concreto. Noi non vediamo la bontà né la sentiamo ecc. ecc. bensì una persona buona: è leggermente diverso ed è in questo modo che bisogna ragionare se facciamo riferimento al criterio di cui abbiamo parlato all'inizio.

Alcune frasi con i nomi astratti:
  1. La bontà è una qualità stupenda;
  2. La cattiveria corrode l'animo.
Trovate qui altre 20 frasi d'esempio con nomi astratti e anche in questo caso siamo sicuri che vi saranno utili per svolgere velocemente gli esercizi o ripetere per una verifica. 
Vi proponiamo ora tre frasi d'esempio con nomi astratti e concreti insieme per far ancor più luce sulla differenza:
  1. La giovinezza è stupenda ma voi giovani la sprecate;
  2. Il medico Ippocrate è uno dei protagonisti della storia della medicina;
  3. Il vecchio Antonio passò la sua vecchiaia a leggere.
Abbiamo messo in arancione i nomi astratti e in blu quelli concreti (fate attenzione inoltre a il vecchio: lo abbiamo messo in azzurro tutto, quindi sia l'articolo sia il nome, non per errore ma perché si tratta di un aggettivo sostantivato). Analizziamo solo il primo caso perché gli altri due sono uguali: la giovinezza è una fase della vita che però non può essere né toccata né vista né ascoltata né gustata né odorata; il giovane (i giovani in questo caso) sì: un giovane può essere il vostro amico di banco per esempio. E voi il vostro amico di banco lo vedete, no? Ad ogni modo per chiarirvi le idee vi consigliamo queste altre frasi con nomi astratti e concreti assieme
Come avete potuto vedere nelle tre frasi d'esempio precedenti, a un nome concreto abbiamo fatto corrispondere un nome astratto (giovane e giovinezza, medico e medicina, vecchio e vecchiaia); non sono gli unici casi in cui questo può avvenire; vediamo altri esempi:
  1. Adolescente - adolescenza;
  2. Architetto - architettura (intesa come disciplina o campo dell'arte);
  3. Artista - arte;
  4. Cacciatore - caccia;
  5. Infante - infanzia;
  6. Madre - maternità;
  7. Mano - manualità;
  8. Padre - paternità;
  9. Pescatore - pesca (intesa come attività);
  10. Scrittore - scrittura.

La differenza tra nome concreto e astratto è sempre netta?

Ora avete a disposizione parecchi esempi di nomi concreti e astratti e saprete senz'altro come comportarvi quando fate l'analisi grammaticale delle parole. Come dicevamo però, queste definizioni così nette non devono spingervi a credere che le due categorie di nomi siano sempre perfettamente distinguibili.

Alcuni nomi effettivamente si collocano tra l'astratto e il concreto; una caduta, per esempio, può essere vista ma può essere anche immaginata in astratto (es. una caduta di stile): come classificheremo, perciò, questo nome? Lo stesso vale per sostantivi come arrabbiatura, disagio, partenza e anche per un nome come fantasma, che rende il dibattito sulla distinzione ancor più problematico. 

Nomi concreti usati come astratti

A quanto detto dovete aggiungere che parole come personalità possono essere usate anche in senso concreto. Ecco delle frasi:
  1. Le personalità del cinema sembrano vivere su un altro pianeta;
  2. La personalità di Mario è complessa.
Nel primo caso parliamo di un nome concreto: per personalità del cinema intendiamo infatti gli attori; nel secondo caso invece personalità è un nome astratto perché fa riferimento all'insieme delle qualità e dei pregi del carattere e del comportamento di una persona, ma non ha nulla di concreto se fate sempre riferimento al criterio della percezione tramite i cinque sensi (criterio su cui però non tutti i linguisti e i grammatici sono d'accordo).

Un elenco di nomi astratti e concreti: esempi per non sbagliare

Questo elenco di nomi concreti e astratti vi tornerà molto utile; ma fate attenzione perché avrete ormai capito che la differenza non è netta e che quindi ogni caso va analizzato bene e - come sempre - ragionando. Nell'elenco in realtà abbiamo inserito esempi di nomi concreti e astratti che non lasciano spazio a dubbi; qualora doveste confondervi però seguite sempre il criterio della percezione che, per quanto non sia accettato da tutti, è comunque quello usato per riconoscere e individuare i nomi astratti e concreti.
Nello svolgimento dell'analisi grammaticale perciò come bisogna comportarsi? Gli errori gravi sono quelli in cui l'evidenza non può essere smentita in alcun modo: cane è un nome comune concreto di animale e non si sfugge; sentimento invece è un nome comune astratto di cosa: anche questo è un caso piuttosto palese. In tutte le altre circostanze varrà la pena fare presenti i propri dubbi all'insegnante ed evitare di classificare in modo improprio o non convincente questa o quest'altra parola: le categorizzazioni - si sa - funzionano sempre ma fino a un certo punto. 

Un intervento molto costruttivo sull'argomento è sicuramente quello dell'Accademia della Crusca, perciò ve ne consigliamo caldamente una lettura attenta perché tratta la questione pure dal punto di vista storico, e - come diciamo sempre - non si può parlare di grammatica, di errori ecc. se non si conosce la storia della nostra lingua, le sue grammatiche, i suoi protagonisti e le varie teorie che si sono succedute nel tempo.

Esercizi per la scuola primaria e per la scuola media sui nomi concreti e astratti

Qui di seguito trovate infine degli esercizi per mettere alla prova le vostre conoscenze sul nome:
  1. Esercizi sui nomi concreti e astratti per scuola primaria e per la scuola media;
  2. Esercizi sull'analisi grammaticale;
  3. Verifica sui nomi per capire cosa dovete ripetere bene.
Gli esempi di nomi astratti e concreti, gli esercizi e le verifiche, e i vari aspetti su cui ci siamo soffermati dovrebbero avervi aiutato a capire bene l'argomento e vi torneranno senz'altro utili per ripetere in vista di un compito o di un concorso pubblico. Se però avete ancora dubbi non preoccupatevi: scriveteci su Facebook o tra i commenti, e vi aiuteremo come meglio potremo.

La foto è tratta da Pixabay.com

COMMENTI

BLOGGER: 1
Loading...
Nome

Accademia della Crusca Accento Accusativo preposizionale Acronimi Aferesi Aggettivi Aggettivi qualificativi Alessandro Manzoni Analisi Analisi dei testi analisi del periodo Analisi Grammaticale Analisi grammaticale verifica Analisi Logica Apocope Apostrofo Apposizione Articolo Auguri Capodanno Auguri di buon compleanno Auguri di buon onomastico Auguri di Natale Auguri di Pasqua Auguri di San Valentino Auguri per San Faustino Ausiliari Avverbi Bilinguismo blog Bullismo a scuola Capodanno Cattedra 24 ore Che significa? Complementi del latino Complemento oggetto Complemento predicativo del soggetto Complemento predicativo dell'oggetto Concorsi pubblici scuola Concorso scuola 2012 Congiunzione Coordinate Creoli Dante Alighieri De bello Gallico Decameron Declinazioni latino Derivazione Dialetti italiani Dialettologia Discorso diretto e indiretto Dittonghi Divina Commedia Divisione in sillabe Email a professori Email formali Emoticon Enigmistica Errori Grammaticali Esercizi analisi del periodo Esercizi analisi grammaticale Esercizi analisi logica Esercizi di ortografia Esercizi divisione in sillabe Esercizi grammatica inglese Esercizi Grammatica Italiana Esercizi per scuola elementare Esercizi sulla punteggiatura Essere e Avere Ferdinand De Saussure Festa dei morti Festa del papà Festa della donna Festa della Mamma Figure retoriche Filosofia del Linguaggio Fonetica e Fonologia Francesco Petrarca Francesco Profumo Ministro Istruzione Frasario Frasi celebri Frasi d'amore Frasi d'esempio Frasi di auguri di Pasqua Frasi di auguri per matrimonio Frasi Festa del Papà Frasi Festa della Befana Frasi Festa della Mamma Frasi Festa delle Donne Frasi Halloween Frasi per Carnevale Frasi per Halloween Frasi Pesce d'Aprile Frasi religiose Frasi sull'amicizia Frasi sulla Giornata della Memoria Frasi sulla morte Frasi sulla vita Futuro inglese Gabriele d'Annunzio Generativismo Gerundio Giacomo Leopardi Giambattista Vico Giovanni Boccaccio Giovanni Verga Giulio Cesare Grammatica inglese Grammatica Italiana Grammatica Italiana TEST Grammatica valenziale Guide Halloween Halloween 2012 I complementi I Nuovi Mostri Iati Il complemento di termine Il Femminile Il Linguaggio della Filosofia Il Maschile Il plurale Il Principe Il singolare Il verbo IN EVIDENZA Interiezione Italiano Italiano neostandard Karl Marx La lingua italiana EVENTI La Scimmia La Scimmia reality La virgola Latino Le Vocali Letteratura italiana Letteratura italiana del Cinquecento Letteratura italiana del Duecento Letteratura italiana del Novecento Letteratura italiana del Quattrocento Letteratura Italiana del Seicento Letteratura Italiana del Settecento Letteratura italiana del Trecento Letteratura italiana dell'Ottocento Letteratura latina Lettere Lettere d'amore Lettere di auguri Lettere per gli amici Lettura e metrica latine Lezioni universitarie Lingua inglese Lingua Italiana dei Segni Lingua latina Lingue tonali Linguistica Linguistica Romanza Locuzioni Luigi Pirandello Maiuscola Maturità Maturità 2012 Maturità 2012 prima prova Maturità 2013 Maturità 2013 prima prova Maturità 2014 prima prova Morfologia Natale Natale 2012 Niccolò Machiavelli Noam Chomsky Nome Parole difficili Parole nuove Parole nuove e difficili Parti del discorso Perché si dice? Perifrastica Pesce d'aprile Pidgin Pietro Bembo Platone Poesia italiana Pragmatica Predicato nominale Predicato verbale Preposizioni Preposizioni improprie Present continuous inglese Present simple inglese Prima prova maturità Promessi sposi Pronomi Pronomi Personali Pronomi Relativi Proposizione Principale Proposizioni Prosa italiana Punteggiatura Raddoppiamento fonosintattico Saggi brevi San Valentino Sapete che? Schede didattiche Scienza Nuova Sciopero scuola 2012 Scuola e Istruzione Scuola elementare Scuola media Scuola superiore Si dice o non si dice? Si scrive? Sillogismo Sintassi Sintassi dei casi Sociolinguistica Soggetto Strutturalismo Subordinate Tagli alla scuola Teatro italiano Temi per scuole elementari Temi per scuole medie Temi per scuole superiori Temi sull'adolescenza Temi svolti Terza declinazione latina Tesi di laurea TFA TFA 2012 Trittonghi Troncamento Ugo Foscolo Univerbazione Università Uso dell'acca Varie Verbi attivi Verbi inglesi Verbi latini Verbi passivi Verbi riflessivi Verbi servili Verbi sovrabbondanti Verbi suppletivi Verifica analisi del periodo Verifica di analisi logica Versioni tradotte Vita e opere autori letteratura italiana
false
ltr
item
LINKUAGGIO?: Esempi di nomi astratti e concreti: differenza, spiegazione e guida ai casi più difficili
Esempi di nomi astratti e concreti: differenza, spiegazione e guida ai casi più difficili
Gli esempi di nomi astratti e concreti che troverete in questa spiegazione vi permetteranno di capire bene la differenza e di affrontare anche i casi più difficili per non sbagliare l'analisi grammaticale. Una guida che può essere utile tanto ai più piccoli alle prese con gli esercizi quanto ai più grandi alle prese con concorsi. Pronti?
https://1.bp.blogspot.com/-uwJMIUkXhPg/WhBvU5WWYQI/AAAAAAAARiw/2e76fZi4fM4czum6sntg-_WfTaL1hlEhgCLcBGAs/s1600/foto%2Bdi%2Bun%2527aula.jpg
https://1.bp.blogspot.com/-uwJMIUkXhPg/WhBvU5WWYQI/AAAAAAAARiw/2e76fZi4fM4czum6sntg-_WfTaL1hlEhgCLcBGAs/s72-c/foto%2Bdi%2Bun%2527aula.jpg
LINKUAGGIO?
http://www.linkuaggio.com/2013/08/esempi-di-nomi-astratti-e-concreti-la.html
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/2013/08/esempi-di-nomi-astratti-e-concreti-la.html
true
7275283272962022850
UTF-8
Non è stato trovato alcun post LEGGILI TUTTI Di più... Rispondi Cancella la risposta Cancella di Home Pagine Articoli Leggili tutti TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE ARGOMENTI ARCHIVIO SEARCH TUTTI I POST Non è stato trovato alcun post corrispondente alla tua richiesta Back Home domenica lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato dom lun mar mer giov ven sab gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre gen feb mar apr maggio giu lug ago set ott nov dic proprio ora un minuto fa $$1$$ minutes ago un'ora fa $$1$$ hours ago ieri $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago più di cinque settimane fa follower Segui CONTENUTO PREMIUM Condividi per sbloccare Copia tutto Seleziona tutto Tutto è stato copiato Non si può copiare, per piacere premi [CTRL]+[C] (o CMD+C se hai un Mac) per farlo