L'infinito di Leopardi, parafrasi e spiegazione della poesia per temi e interrogazioni



Parafrasi e spiegazione dell'Infinito di Leopardi per temi in classe e interrogazioni: qual è il significato di questa importantissima poesia della letteratura italiana?


siepe leopardi foto
Occupiamoci oggi della parafrasi e della spiegazione della celebre poesia L'infinito di Giacomo Leopardi. Prima di passare al testo, però, permetteteci qualche nota introduttiva: L'infinito venne composto tra la primavera e l'autunno del 1819; fa quindi parte della produzione lirica giovanile di Leopardi, quando l'autore ancora soggiornava presso la casa paterna a Recanati. La poesia venne pubblicata nel 1825 sul Nuovo Ricoglitore, periodico milanese, e poi venne inclusa nella sua raccolta poetica più famosa, i Canti

Senz'altro conoscerete il testo della poesia L'infinito, ma è bene riproporvelo per una migliore e più completa parafrasi e spiegazione

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,
E questa siepe, che da tanta parte
Dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e rimirando, interminati
Spazi di là da quella, e sovrumani
Silenzi, e profondissima quiete
Io nel pensier mi fingo, ove per poco
Il cor non si spaura. E come il vento
Odo stormir tra queste piante, io quello
Infinito silenzio a questa voce
Vo comparando: e mi sovvien l’eterno,
E le morte stagioni, e la presente
E viva, e il suon di lei. Così tra questa
Immensità s’annega il pensier mio:
E il naufragar m’è dolce in questo mare.

La parafrasi dell'Infinito di Leopardi

Veniamo alla parafrasi:

Questo colle solitario mi è sempre stato caro come pure questa siepe, che mi copre la vista di una grossa sezione del più remoto orizzonte. Ma, sedendomi e fissando i vastissimi spazi al di là di essa, col pensiero immagino i silenzi incommensurabili e la quiete profondissima, tanto che per poco il mio cuore non sussulta. E quando sento il vento frusciare tra le piante paragono quell'Infinito silenzio [che è nella mia mente] a questo sibilo: e mi sovviene l'eterno, e le epoche passate e decadute insieme a quella presente e viva, e il suo suono. Immerso in questa immensità il mio pensiero annega: ed è dolce naufragare in questo mare.

L'Infinito di Leopardi, spiegazione generale

Passiamo, ora, alla spiegazione dell'Infinito di Leopardi e, là dove serva, anche a una sua breve contestualizzazione storico-letteraria: il componimento nasce nella temperie culturale del Romanticismo europeo, un nuovo modo di sentire che l'autore trova particolarmente affine alla sua sensibilità e quindi recepisce e rielabora in una forma spiccatamente interiorizzata e intimistica. Al contrario di un Foscolo che, parallelamente e con pari strumenti, costruisce la sua immagine di poeta superuomo - un possente titano che si erge al di sopra della realtà per contrastarla - Leopardi soggiace al peso della contingenza e cerca disperato sollievo alle pene che essa infligge rifugiandosi nei ripiegamenti intestini del suo estro e della sua spessa psicologia; non domina la realtà e nemmeno vi si oppone: la rifugge! Guarda all'infinito con piglio sostanzialmente diverso da quello del colosso lucreziano e foscoliano (che, con occhi di fuoco, rivolge il suo sguardo insolente al cielo per sfidare l'Essere divino, l'autorità che per definizione circoscrive la libertà degli uomini e la loro volontà di potenza); Leopardi lo fa piuttosto per scorgervi una via di fuga dalla sofferenza e dalla caducità, per scoprire un significato più profondo a tutto quanto il dolore, per tastare con mano una dimensione che non teme le angherie del tempo.

Continuiamo con la spiegazione di una delle poesie più famose - come ben sapete - di Leopardi. Il componimento accoglie la tradizione teocritea degli idilli, immagini poetiche dall'estensione contenuta, viste da una prospettiva frammentaria e scorciata. Il valore estetico di tali immagini risiede proprio in quell'ostacolo che, frapponendosi tra l'oggetto osservato e l'osservatore, impedisce la descrizione oggettiva del fenomeno e apre così le porte all'immaginazione più selvaggia, indomita e incontaminata dalle categorie del pensiero razionale. Leopardi, nella situazione narrativa, non può vedere l'orizzonte se non per i piccoli buchi che le frasche della siepe gli concedono: può pertanto indugiare in una descrizione anti-naturalistica, che rievoca echi di infinito e silenzi assordanti e che gli permette di sfoderare il suo linguaggio metafisico e trascendentale.

La metrica dell'Infinito

Un'ultima nota di carattere generale: una nota metrico-stilistica. Leopardi lavora in direzione di un più compiuto e nobilitato verso libero sciolto dai vincoli della rima, della metrica a maglie strette e da clausole cristallizzate. Non a caso il poeta viene generalmente ricordato come l'ideale apripista di una nuova scuola lirica che prediligerà un versificare più spontaneo e di uno stile nuovo, niente affatto grezzo - come un radicato luogo comune sul Romanticismo vorrebbe - ma piuttosto variegato, flessibile e conforme alla materia poetica (sulla stessa lunghezza d'onda dei trascendentalisti d'oltreoceano che, poco più tardi, avrebbero concepito la teoria organicistica per la quale lo stile, proprio come un essere vivente in simbiosi con il suo contenuto, assumerebbe di volta in volta la forma in assoluto più adatta a rappresentare il contenuto; il letterato si deve quindi concentrare sulla materia poetica anziché sulla forma: quella poi verrà da sé. Guai a chi si perde in compiaciuti virtuosismi, giochetti retorici, innovazioni metriche fini a se stesse e per nulla genuine!).
 
Anche se nel componimento il verso è ancora l'endecasillabo, il ritmo si fa via via meno regolare e cadenzato perché gli accenti hanno via via sede meno fissa o predicibile, oltre che per la totale mancanza di rime perfette e assonanze. Ciò non significa che il tessuto fonico sia povero, la forma sciatta e il ritmo prosaico e meramente sintattico! Attraverso un uso massiccio di enjambement, allitterazioni e anastrofi la cesellatura delle frasi è indiscutibilmente ricercata e preziosa, tanto che nessun lettore (moderno o storico) ha difficoltà a riconoscere che L'infinito è una poesia e non un pezzo di prosa.

Approfondisci: leggi i nostri riassunti di letteratura per prepararti in vista delle interrogazioni

Qui termina la nostra parafrasi e spiegazione della poesia L'infinito di Giacomo Leopardi: state certi che basta per un bel tema o un'interrogazione fatta come si deve. In bocca al lupo!

La foto è tratta di Pixabay.com


COMMENTI

BLOGGER
Nome

Accademia della Crusca Accento Accusativo preposizionale Acronimi Aferesi Aggettivi Aggettivi qualificativi Alessandro Manzoni Analisi Analisi dei testi analisi del periodo Analisi Grammaticale Analisi grammaticale verifica Analisi Logica Apocope Apostrofo Apposizione Articolo Auguri Capodanno Auguri di buon compleanno Auguri di buon onomastico Auguri di Natale Auguri di Pasqua Auguri di San Valentino Auguri per San Faustino Ausiliari Avverbi Bilinguismo blog Bullismo a scuola Capodanno Cattedra 24 ore Che significa? Complementi del latino Complemento oggetto Complemento predicativo del soggetto Complemento predicativo dell'oggetto Concorsi pubblici scuola Concorso scuola 2012 Congiunzione Coordinate Creoli Dante Alighieri De bello Gallico Decameron Declinazioni latino Derivazione Dialetti italiani Dialettologia Dittonghi Divina Commedia Divisione in sillabe Emoticon Enigmistica Errori Grammaticali Esercizi analisi del periodo Esercizi analisi grammaticale Esercizi analisi logica Esercizi divisione in sillabe Esercizi grammatica inglese Esercizi Grammatica Italiana Esercizi sulla punteggiatura Essere e Avere Ferdinand De Saussure Festa dei morti Festa del papà Festa della donna Festa della Mamma Figure retoriche Filosofia del Linguaggio Fonetica e Fonologia Francesco Petrarca Francesco Profumo Ministro Istruzione Frasario Frasi celebri Frasi d'amore Frasi di auguri di Pasqua Frasi di auguri per matrimonio Frasi Festa del Papà Frasi Festa della Befana Frasi Festa della Mamma Frasi Festa delle Donne Frasi Halloween Frasi per Carnevale Frasi per Halloween Frasi Pesce d'Aprile Frasi sull'amicizia Frasi sulla Giornata della Memoria Frasi sulla vita Gabriele d'Annunzio Generativismo Gerundio Giacomo Leopardi Giambattista Vico Giovanni Boccaccio Giovanni Verga Giulio Cesare Grammatica inglese Grammatica Italiana Grammatica Italiana TEST Guide Halloween Halloween 2012 I complementi I Nuovi Mostri Iati Il complemento di termine Il Femminile Il Linguaggio della Filosofia Il Maschile Il plurale Il Principe Il singolare Il verbo IN EVIDENZA Interiezione Italiano Italiano neostandard Karl Marx La lingua italiana EVENTI La Scimmia La Scimmia reality La virgola Latino Le Vocali Letteratura italiana Letteratura italiana del Cinquecento Letteratura italiana del Duecento Letteratura italiana del Novecento Letteratura italiana del Quattrocento Letteratura Italiana del Seicento Letteratura Italiana del Settecento Letteratura italiana del Trecento Letteratura italiana dell'Ottocento Letteratura latina Lettura e metrica latine Lezioni universitarie Lingua inglese Lingua Italiana dei Segni Lingua latina Lingue tonali Linguistica Linguistica Romanza Locuzioni Luigi Pirandello Maiuscola Maturità Maturità 2012 Maturità 2012 prima prova Maturità 2013 Maturità 2013 prima prova Maturità 2014 prima prova Morfologia Natale Natale 2012 Niccolò Machiavelli Noam Chomsky Nome Parole difficili Parole nuove Parole nuove e difficili Parti del discorso Perché si dice? Perifrastica Pesce d'aprile Pidgin Pietro Bembo Platone Poesia italiana Pragmatica Predicato nominale Predicato verbale Preposizioni Preposizioni improprie Present continuous inglese Present simple inglese Prima prova maturità Promessi sposi Pronomi Pronomi Personali Pronomi Relativi Proposizione Principale Proposizioni Prosa italiana Punteggiatura Raddoppiamento fonosintattico Saggi brevi San Valentino Sapete che? Schede didattiche Scienza Nuova Sciopero scuola 2012 Scuola e Istruzione Si dice o non si dice? Si scrive? Sillogismo Sintassi Sintassi dei casi Sociolinguistica Soggetto Strutturalismo Subordinate Tagli alla scuola Teatro italiano Temi svolti Terza declinazione latina Tesi di laurea TFA TFA 2012 Trittonghi Troncamento Ugo Foscolo Univerbazione Università Varie Verbi attivi Verbi inglesi Verbi latini Verbi passivi Verbi riflessivi Verbi servili Verbi sovrabbondanti Verbi suppletivi Verifica analisi del periodo Verifica di analisi logica Versioni tradotte Vita e opere autori letteratura italiana
false
ltr
item
LINKUAGGIO?: L'infinito di Leopardi, parafrasi e spiegazione della poesia per temi e interrogazioni
L'infinito di Leopardi, parafrasi e spiegazione della poesia per temi e interrogazioni
Parafrasi e spiegazione dell'Infinito di Leopardi per temi in classe e interrogazioni: qual è il significato di questa importantissima poesia della letteratura italiana?
http://1.bp.blogspot.com/-mIXecHw2t_s/Vhwulz8NHYI/AAAAAAAAO90/e4lmYdqakEU/s320/siepe%2Bdi%2Bleopardi.jpg
http://1.bp.blogspot.com/-mIXecHw2t_s/Vhwulz8NHYI/AAAAAAAAO90/e4lmYdqakEU/s72-c/siepe%2Bdi%2Bleopardi.jpg
LINKUAGGIO?
http://www.linkuaggio.com/2015/10/linfinito-di-leopardi-parafrasi-e.html
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/2015/10/linfinito-di-leopardi-parafrasi-e.html
true
7275283272962022850
UTF-8
Non è stato trovato alcun post LEGGILI TUTTI Di più... Rispondi Cancella la risposta Cancella di Home Pagine Articoli Leggili tutti TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE ARGOMENTI ARCHIVIO SEARCH TUTTI I POST Non è stato trovato alcun post corrispondente alla tua richiesta Back Home domenica lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato dom lun mar mer giov ven sab gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre gen feb mar apr maggio giu lug ago set ott nov dic proprio ora un minuto fa $$1$$ minutes ago un'ora fa $$1$$ hours ago ieri $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago più di cinque settimane fa follower Segui CONTENUTO PREMIUM Condividi per sbloccare Copia tutto Seleziona tutto Tutto è stato copiato Non si può copiare, per piacere premi [CTRL]+[C] (o CMD+C se hai un Mac) per farlo