Poesie per un figlio morto, il dolore della perdita nella letteratura

Le poesie per un figlio morto che abbiamo scelto di includere in questa raccolta sono prese quasi completamente dal bellissimo repertorio della letteratura italiana. Spesso la poesia si fa portatrice di sentimenti universali e la speranza è che in questi versi voi possiate trovare un po' di sollievo


foto onda e spiaggia
Dedicare una poesia a un figlio morto è senz'altro uno dei comportamenti tipici di un genitore che si è visto strappare sua figlia o suo figlio dalla morte. La letteratura e la poesia (e l'arte in generale) hanno il dono di leggere le nostre emozioni, i nostri stati d'animo, di leggerci dentro insomma e di interpretare quello che stiamo vivendo anche senza conoscerci. Ecco perché l'arte, seppur nelle sue infinite sfaccettature, è universale: riesce a capire l'uomo a prescindere da tutto. Abbiamo scelto queste poesie per un figlio morto principalmente dal repertorio che ci offre la letteratura italiana e abbiamo pensato di riportare (e commentare) non solo le poesie sulla morte di un figlio ma anche quelle sulla morte in generale

La morte è la curva della strada (Fernando Pessoa)

La poesia che più ci colpisce sulla morte è quella di Fernando Pessoa, La morte è la curva della strada, dove il poeta con una serie di figure retoriche racconta che la morte e la vita si mescolano tra loro e che la prima in fin dei conti corrisponde solo a non essere visto perché se ascolto i tuoi passi li sento esistere come io esisto. Nessuno mai si è smarrito dopo la morte perché tutto è verità e tutto e passaggio. Un testo stupendo, che spinge a riflettere sul fatto che la paura della morte forse non è giustificata (per quanto legittima): nessuno si smarrisce con la morte, anzi forse si ritrova. 

La morte è la curva della strada,
morire è solo non essere visto.
Se ascolto, sento i tuoi passi
esistere come io esisto.
La terra è fatta di cielo.
Non ha nido la menzogna.
Mai nessuno s’è smarrito.
Tutto è verità e passaggio.

Pianto Antico (Giosuè Carducci)

Affronta direttamente in una poesia il tema della morte del figlio Giosuè Carducci, il poeta vate del secolo XIX che perse il figlio Dante quando aveva soli tre anni. La morte avvenne il 9 novembre 1870 e il poeta inserisce questo componimento nelle sue Rime nuove: nella poesia dedicata al figlio morto è evidente il contrasto esistente tra le prime due strofe, in cui il melograno ha fiori vermigli ed è ristorato dal clima estivo di giugno, e le seconde due, dove il fior della pianta percossa e inaridita (cioè il figlio di Giosuè Carducci) è in una terra fredda, dalla quale neanche l'amore potrà risvegliarlo

Una poesia commovente, una delle più belle di Carducci, che però trascura una delle cose più belle della morte: la liberazione dalla vita terrena e l'inizio di una vita eterna, dove l'amore di Dio rasserena e nutre tutte le anime. Ne trovate il commento dettagliato qui

L’albero a cui tendevi
La pargoletta mano,
Il verde melograno
Da’ bei vermigli fior,

Nel muto orto solingo
Rinverdí tutto or ora
E giugno lo ristora
Di luce e di calor.

Tu fior de la mia pianta
Percossa e inaridita,
Tu de l’inutil vita
Estremo unico fior,

Sei ne la terra fredda,
Sei ne la terra negra;
Né il sol più ti rallegra
Né ti risveglia amor.

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi (Cesare Pavese)

Cesare Pavese è uno degli scrittori più brillanti di tutto il Novecento: un personaggio complesso, che dedica la raccolta Verrà la morte e avrà i tuoi occhi all'amata Constance Dowling. La poesia quindi non è dedicata a un bambino, a un figlio o a una figlia, ma a una donna, i cui occhi sono quelli della morte. 

La lettura critica e contestualizzata della poesia è questa ma leggendola senza conoscere la vita di Pavese, la sua depressione e il suo disagio esistenziali, e il suo risentimento nei confronti di una donna che lo abbandonò la si può interpretare come una profonda poesia sulla morte.

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi
questa morte che ci accompagna
dal mattino alla sera, insonne,
sorda, come un vecchio rimorso
o un vizio assurdo. I tuoi occhi
saranno una vana parola,
un grido taciuto, un silenzio.
Così li vedi ogni mattina
quando su te sola ti pieghi
nello specchio. O cara speranza,
quel giorno sapremo anche noi
che sei la vita e sei il nulla.
Per tutti la morte ha uno sguardo.
Verrà la morte e avrà i tuoi occhi.
Sarà come smettere un vizio,
come vedere nello specchio
riemergere un viso morto,
come ascoltare un labbro chiuso.
Scenderemo nel gorgo muti.

Morte del bambino (Rabindranath Tagore / Rabíndranáth Thákhur)

Questa poesia di Rabíndranáth Thákhur (Rabindranath Tagore in inglese) si rivolge direttamente alla Natura. Il figlio morto è stato tolto a una madre che con questa perdita ha perduto tutto: perché tu, Natura - dice il poeta -, tu che hai tutto, cielo, stelle, foreste e oceani, hai voluto strappare un bambino alla mamma? Una natura potente dunque ma crudele, contro cui il poeta si scontra.

Era vivo, rideva,
camminava e giocava.
Natura, prendendolo che hai avuto?
Tu hai milioni
di uccelli colorati,
foreste, stelle, oceani,
il cielo infinito.
Perché l’hai strappato
dal s*no della madre,
l’hai nascosto in seno alla terra
e l’hai ricoperto di fiori?

O Potente Natura
di miriadi di stelle e di fiori,
hai rubato un bambino!
S’è forse ingrandito
il tuo tesoro infinito?
Hai così aumentato d’un granello
La tua felicità?
Eppure, un cuore di mamma,
immenso come il tuo,
con la perdita del bambino
ha perduto tutto!

Addio! (Giovanni Pascoli)

Tra le poesie per un figlio morto ci sentiamo di inserire anche Addio!, componimento che fa parte dei Canti di Castelvecchio scritti da Giovanni Pascoli, un autore affascinante per il suo linguaggio fanciullesco, dolce nella sua scrittura, empatico e coinvolgente, uno dei poeti emblematici di tutto il Novecento

In questo componimento il poeta soffre per la sua mancata paternità, che rende ancor più terribile la destinazione inevitabile dell'uomo alla morte, alla quale il poeta non può sottrarsi neanche pensando di rivivere attraverso la vita dei suoi figli. La poesia è suggestiva: le rondini che vanno via, l'orto appassito, i morti eroi... tutte figure retoriche potenti che ci hanno spinto a inserire la poesia in questa raccolta dedicata ai figli che non ci sono più.

Dunque, rondini rondini, addio!

Dunque andate, dunque ci lasciate
per paesi tanto a noi lontani.
È finita qui la rossa estate.
Appassisce l’orto: i miei gerani
più non hanno che i becchi di gru.

Dunque, rondini rondini, addio!

Il rosaio qui non fa più rose.
Lungo il Nilo voi le rivedrete.
Volerete sopra le mimose
della Khala, dentro le ulivete
del solingo Achilleo di Corfù.

Oh! se, rondini rondini, anch’io…

Voi cantate forse morti eroi,
su quest’albe, dalle vostre altane,
quando ascolto voi parlar tra voi
nella vostra lingua di gitane,
una lingua che più non si sa.

Oh! se, rondini rondini, anch’io…

O son forse gli ultimi consigli
ai piccini per il lungo volo.
Rampicati stanno al muro i figli
che al lor nido con un grido solo
si rivolgono a dire: Si va?

Dunque, rondini rondini, addio!

Non saranno quelle che le case
han murato questo marzo scorso,
che a rifarne forse le cimase
strisceranno sopra il Rio dell’Orso,
che rugliava, e non mormora più.

Dunque, rondini rondini, addio!

Ma saranno pur gli stessi voli;
ma saranno pur gli stessi gridi;
quella gioia, per gli stessi soli;
quell’amore, negli stessi nidi:
risarà tutto quello che fu.

Oh! se, rondini rondini, anch’io…

io li avessi quattro rondinotti
dentro questo nido mio di sassi!
ch’io vegliassi nelle dolci notti,
che in un mesto giorno abbandonassi
alla libera serenità!

Oh! se, rondini rondini, anch’io…

rivolando su le vite loro,
ritrovando l’alba del mio giorno,
rimurassi sempre il mio lavoro,
ricantassi sempre il mio ritorno,
mio ritorno dal mondo di là!

Le nostre poesie per un figlio morto erano queste: sono cinque componimenti diversi, che a loro modo però possono interpretare molti stati d'animo. Potete trovare altro anche qui:
Linkuaggio continua ad esistere anche grazie a voi, perciò se volete lasciare un commento o una vostra poesia da dedicare a un figlio morto o in generale a chi non c'è più non esitate a farlo: spesso è condividendo che si può trovare sollievo in una giornata che sembra non finire mai. 


La foto è tratta da Pixabay.com

COMMENTI

BLOGGER
Nome

Accademia della Crusca Accento Accusativo preposizionale Acronimi Aferesi Aggettivi Aggettivi qualificativi Alessandro Manzoni Analisi Analisi dei testi analisi del periodo Analisi Grammaticale Analisi grammaticale verifica Analisi Logica Apocope Apostrofo Apposizione Articolo Auguri Capodanno Auguri di buon compleanno Auguri di buon onomastico Auguri di Natale Auguri di Pasqua Auguri di San Valentino Auguri per San Faustino Ausiliari Avverbi Bilinguismo blog Bullismo a scuola Capodanno Cattedra 24 ore Che significa? Complementi del latino Complemento oggetto Complemento predicativo del soggetto Complemento predicativo dell'oggetto Concorsi pubblici scuola Concorso scuola 2012 Congiunzione Coordinate Creoli Dante Alighieri De bello Gallico Decameron Declinazioni latino Derivazione Dialetti italiani Dialettologia Discorso diretto e indiretto Dittonghi Divina Commedia Divisione in sillabe Emoticon Enigmistica Errori Grammaticali Esercizi analisi del periodo Esercizi analisi grammaticale Esercizi analisi logica Esercizi di ortografia Esercizi divisione in sillabe Esercizi grammatica inglese Esercizi Grammatica Italiana Esercizi per scuola elementare Esercizi sulla punteggiatura Essere e Avere Ferdinand De Saussure Festa dei morti Festa del papà Festa della donna Festa della Mamma Figure retoriche Filosofia del Linguaggio Fonetica e Fonologia Francesco Petrarca Francesco Profumo Ministro Istruzione Frasario Frasi celebri Frasi d'amore Frasi d'esempio Frasi di auguri di Pasqua Frasi di auguri per matrimonio Frasi Festa del Papà Frasi Festa della Befana Frasi Festa della Mamma Frasi Festa delle Donne Frasi Halloween Frasi per Carnevale Frasi per Halloween Frasi Pesce d'Aprile Frasi sull'amicizia Frasi sulla Giornata della Memoria Frasi sulla morte Frasi sulla vita Futuro inglese Gabriele d'Annunzio Generativismo Gerundio Giacomo Leopardi Giambattista Vico Giovanni Boccaccio Giovanni Verga Giulio Cesare Grammatica inglese Grammatica Italiana Grammatica Italiana TEST Grammatica valenziale Guide Halloween Halloween 2012 I complementi I Nuovi Mostri Iati Il complemento di termine Il Femminile Il Linguaggio della Filosofia Il Maschile Il plurale Il Principe Il singolare Il verbo IN EVIDENZA Interiezione Italiano Italiano neostandard Karl Marx La lingua italiana EVENTI La Scimmia La Scimmia reality La virgola Latino Le Vocali Letteratura italiana Letteratura italiana del Cinquecento Letteratura italiana del Duecento Letteratura italiana del Novecento Letteratura italiana del Quattrocento Letteratura Italiana del Seicento Letteratura Italiana del Settecento Letteratura italiana del Trecento Letteratura italiana dell'Ottocento Letteratura latina Lettere Lettere di auguri Lettura e metrica latine Lezioni universitarie Lingua inglese Lingua Italiana dei Segni Lingua latina Lingue tonali Linguistica Linguistica Romanza Locuzioni Luigi Pirandello Maiuscola Maturità Maturità 2012 Maturità 2012 prima prova Maturità 2013 Maturità 2013 prima prova Maturità 2014 prima prova Morfologia Natale Natale 2012 Niccolò Machiavelli Noam Chomsky Nome Parole difficili Parole nuove Parole nuove e difficili Parti del discorso Perché si dice? Perifrastica Pesce d'aprile Pidgin Pietro Bembo Platone Poesia italiana Pragmatica Predicato nominale Predicato verbale Preposizioni Preposizioni improprie Present continuous inglese Present simple inglese Prima prova maturità Promessi sposi Pronomi Pronomi Personali Pronomi Relativi Proposizione Principale Proposizioni Prosa italiana Punteggiatura Raddoppiamento fonosintattico Saggi brevi San Valentino Sapete che? Schede didattiche Scienza Nuova Sciopero scuola 2012 Scuola e Istruzione Scuola elementare Scuola media Scuola superiore Si dice o non si dice? Si scrive? Sillogismo Sintassi Sintassi dei casi Sociolinguistica Soggetto Strutturalismo Subordinate Tagli alla scuola Teatro italiano Temi per scuole elementari Temi per scuole medie Temi per scuole superiori Temi sull'adolescenza Temi svolti Terza declinazione latina Tesi di laurea TFA TFA 2012 Trittonghi Troncamento Ugo Foscolo Univerbazione Università Uso dell'acca Varie Verbi attivi Verbi inglesi Verbi latini Verbi passivi Verbi riflessivi Verbi servili Verbi sovrabbondanti Verbi suppletivi Verifica analisi del periodo Verifica di analisi logica Versioni tradotte Vita e opere autori letteratura italiana
false
ltr
item
LINKUAGGIO?: Poesie per un figlio morto, il dolore della perdita nella letteratura
Poesie per un figlio morto, il dolore della perdita nella letteratura
Le poesie per un figlio morto che abbiamo scelto di includere in questa raccolta sono prese quasi completamente dal bellissimo repertorio della letteratura italiana. Spesso la poesia si fa portatrice di sentimenti universali e la speranza è che in questi versi voi possiate trovare un po' di sollievo
https://3.bp.blogspot.com/-SPwGEzRuw7U/WWYaghi_qoI/AAAAAAAARK4/8wd8QFclHqUZsQPV1FjiFfwrAA_qiNKewCLcBGAs/s1600/onda%2Be%2Bspiaggia.jpg
https://3.bp.blogspot.com/-SPwGEzRuw7U/WWYaghi_qoI/AAAAAAAARK4/8wd8QFclHqUZsQPV1FjiFfwrAA_qiNKewCLcBGAs/s72-c/onda%2Be%2Bspiaggia.jpg
LINKUAGGIO?
http://www.linkuaggio.com/2017/07/poesie-per-un-figlio-morto-il-dolore.html
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/2017/07/poesie-per-un-figlio-morto-il-dolore.html
true
7275283272962022850
UTF-8
Non è stato trovato alcun post LEGGILI TUTTI Di più... Rispondi Cancella la risposta Cancella di Home Pagine Articoli Leggili tutti TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE ARGOMENTI ARCHIVIO SEARCH TUTTI I POST Non è stato trovato alcun post corrispondente alla tua richiesta Back Home domenica lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato dom lun mar mer giov ven sab gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre gen feb mar apr maggio giu lug ago set ott nov dic proprio ora un minuto fa $$1$$ minutes ago un'ora fa $$1$$ hours ago ieri $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago più di cinque settimane fa follower Segui CONTENUTO PREMIUM Condividi per sbloccare Copia tutto Seleziona tutto Tutto è stato copiato Non si può copiare, per piacere premi [CTRL]+[C] (o CMD+C se hai un Mac) per farlo