Periodo ipotetico italiano, spiegazione e schema: quanti tipi e quali verbi? [ESERCIZI]



Spiegazione e schema del periodo ipotetico italiano: quanti tipi esistono e quali verbi bisogna utilizzare? Una semplice guida a un argomento complesso


periodo ipotetico schemaIl periodo ipotetico è costituito da una proposizione reggente definita "apodosi" e una proposizione subordinata condizionale detta "protasi": quest'ultima indica la condizione da cui dipende ciò che viene espresso nella principale; vediamo alcuni esempi per rendere il concetto più chiaro:
  • Se vai a scuola, oggi ti lascio scendere;
  • Qualora fosse stato lui, non gli rivolgerei più la parola;
  • Se potessi teletrasportarmi, andrei in America subito.
Potete ben vedere come le congiunzioni subordinanti "se" e "qualora" introducono la condizionale, quindi una circostanza che potrebbe o meno verificarsi, alla quale è strettamente legato il contenuto semantico della reggente.

Periodo ipotetico della realtà

Il periodo ipotetico può presentarsi in tre tipologie diverse, a seconda che l'ipotesi (quella della subordinata) sia certa, possibile o impossibile: nel primo caso parliamo di "periodo ipotetico della realtà" ed è rappresentato dal nostro primo esempio: qui, infatti, il verbo è coniugato all'indicativo sia nella prima sia nella seconda frase, ed è risaputo che l'indicativo sia il modo della certezza; è proprio all'uso del verbo che dovremmo guardare per parlare di realtà o possibilità, perché, in fin dei conti, una ipotesi non è mai certa (altrimenti non si chiamerebbe così): quando trovate un indicativo, perciò, sappiate che, in linea di massima, il periodo ipotetico è della realtà (certo, qui c'è anche una sicurezza contenutistica, perché "è sicuro che, se vai a scuola, oggi ti lascio scendere").

Periodo ipotetico della possibilità

Il periodo ipotetico della possibilità è chiaramente rappresentato dal secondo esempio, in cui l'uso dei verbi non è quello del doppio indicativo, come nel periodo della realtà, ma quello del congiuntivo imperfetto (o trapassato) seguito dal condizionale presente. La struttura tipica del periodo, in effetti, è proprio questa; se leggete anche velocemente la frase, si percepisce, inoltre, che ci troviamo dinanzi a una possibilità: "qualora non fosse stato lui", infatti, la persona in questione continuerebbe "a rivolgergli la parola" (nel caso contrario, invece, no: c'è un cinquanta e cinquanta, insomma, di possibilità). Fate sempre attenzione ai verbi, perché - lo ripetiamo - è da questi che si capisce generalmente quale tipo di periodo ipotetico si sta analizzando.

Periodo ipotetico della irrealtà

La spiegazione dei tipi di periodo ipotetico comprende anche quello di terzo grado, definito "periodo ipotetico dell'irrealtà", che è sicuramente il più semplice da individuare: la differenza con il secondo sta solo in una questione schiettamente semantica, in quanto la condizione posta dalla subordinata è irrealizzabile; nel terzo esempio che vi abbiamo mostrato, infatti, è evidente che ciò che è scritto nella principale non potrà mai concretizzarsi, perché - almeno finora - il telestrasporto non esiste.

Periodo ipotetico italiano, schema riassuntivo

Vediamo uno schema riassuntivo dei tre tipi di periodo, con i relativi verbi (utilizziamo la congiunzione "se" per comodità, ma le subordinanti sono molte di più, da "qualora" a "quando", passando per "purché", "laddove" e diverse locuzioni congiuntive, come "dato che", "a patto che" e così via):
  • Periodo ipotetico della realtà: se + subordinata all'indicativo (tutti i tempi) / principale all'indicativo (tutti i tempi);
  • Periodo ipotetico della possibilità: se + subordinata al congiuntivo imperfetto / principale al condizionale;
  • Periodo ipotetico della irrealtà: se + subordinata al congiuntivo imperfetto o trapassato / principale al condizionale presente o passato.
Non è neanche difficile trovare, ovviamente, le condizionali al gerundio, al participio passato (preceduto o meno da "se") e all'infinito presente preceduto da "a", come nei seguenti casi:
  • Studiando di più, avresti potuto avere il massimo;
  • Lavorato meglio, questo materiale diventerebbe ottimo;
  • A sentirlo, starebbe bene...

Periodo ipotetico misto e uso dell'imperfetto

L'italiano, però, è una lingua in continua evoluzione: tante variabili la influenzano, cosicché, anche se le strutture-base restano intatte (o quasi), gli usi cambiano; proprio per questo motivo, vi potrete trovare dinanzi a periodi ipotetici misti, costruiti, cioè, con modi e tempi che non rispecchiano quelli dello schema o che lo rispecchiano solo parzialmente, come in questo caso: "Se ci avessero avvisati, non venivamo"; qui è evidente che nella principale non è stato utilizzato il condizionale passato ma l'imperfetto.

L'imperfetto indicativo, tra l'altro, può trovarsi sia nella protasi sia nell’apodosi, in luogo del congiuntivo e del condizionale:
  • Se me lo dicevi, venivo prima (invece di "Se me lo avessi detto, sarei venuto prima");
  • Non parlavo mica, se me lo dicevi (invece di "Se me lo avessi detto, non avrei parlato mica");
  • Non reagivo così, se sapevo dello scherzo (invece di "Se avessi saputo dello scherzo, non avrei mica reagito così").
Si tratta di un uso particolare dell'imperfetto che va evitato nello scritto, ma che è molto frequente nella lingua parlata e che ha anche diverse attestazioni letterarie alle spalle (Treccani segnala "se potuto aveste veder tutto, / mestier non era parturir Maria" dal Purgatorio di Dante Alighieri, ma gli esempi sono parecchi).

Esercizi di grammatica italiana sul periodo ipotetico

Provate, ora, a classificare i seguenti periodi ipotetici nei tre gruppi analizzati sinora:
  1. Se arriviamo subito andremo a trovarla insieme
  2. Se c’è la neve, meglio restare a casa
  3. Se volete incontrarmi, sapete dove trovarmi
  4. Qualora me lo domandassi tu, verrei anche di sabato sera
  5. Se Paolo ti dovesse dire qualcosa, fai lo gnorri
  6. Se lo hai fatto, chiedi scusa
  7. Se fossi un animale, scapperei da un padrone come te
  8. Dovessi andare lì, non tornerei più indietro
  9. Lavato a mano, ritorna come prima!
  10. Solo lavorando duramente, potrai farcela


COMMENTI

BLOGGER: 1
Loading...
Nome

Accademia della Crusca Accento Accusativo preposizionale Acronimi Aferesi Aggettivi Aggettivi qualificativi Alessandro Manzoni Analisi Analisi dei testi analisi del periodo Analisi Grammaticale Analisi grammaticale verifica Analisi Logica Apocope Apostrofo Apposizione Articolo Auguri Capodanno Auguri di buon compleanno Auguri di buon onomastico Auguri di Natale Auguri di Pasqua Auguri di San Valentino Auguri per San Faustino Ausiliari Avverbi Bilinguismo blog Bullismo a scuola Capodanno Cattedra 24 ore Che significa? Complementi del latino Complemento oggetto Complemento predicativo del soggetto Complemento predicativo dell'oggetto Concorsi pubblici scuola Concorso scuola 2012 Congiunzione Coordinate Creoli Dante Alighieri De bello Gallico Decameron Declinazioni latino Derivazione Dialetti italiani Dialettologia Dittonghi Divina Commedia Divisione in sillabe Emoticon Enigmistica Errori Grammaticali Esercizi analisi del periodo Esercizi analisi grammaticale Esercizi analisi logica Esercizi divisione in sillabe Esercizi grammatica inglese Esercizi Grammatica Italiana Esercizi sulla punteggiatura Essere e Avere Ferdinand De Saussure Festa dei morti Festa del papà Festa della donna Festa della Mamma Figure retoriche Filosofia del Linguaggio Fonetica e Fonologia Francesco Petrarca Francesco Profumo Ministro Istruzione Frasario Frasi celebri Frasi d'amore Frasi di auguri di Pasqua Frasi di auguri per matrimonio Frasi Festa del Papà Frasi Festa della Befana Frasi Festa della Mamma Frasi Festa delle Donne Frasi Halloween Frasi per Carnevale Frasi per Halloween Frasi Pesce d'Aprile Frasi sull'amicizia Frasi sulla Giornata della Memoria Frasi sulla vita Gabriele d'Annunzio Generativismo Gerundio Giacomo Leopardi Giambattista Vico Giovanni Boccaccio Giovanni Verga Giulio Cesare Grammatica inglese Grammatica Italiana Grammatica Italiana TEST Guide Halloween Halloween 2012 I complementi I Nuovi Mostri Iati Il complemento di termine Il Femminile Il Linguaggio della Filosofia Il Maschile Il plurale Il Principe Il singolare Il verbo IN EVIDENZA Interiezione Italiano Italiano neostandard Karl Marx La lingua italiana EVENTI La Scimmia La Scimmia reality La virgola Latino Le Vocali Letteratura italiana Letteratura italiana del Cinquecento Letteratura italiana del Duecento Letteratura italiana del Novecento Letteratura italiana del Quattrocento Letteratura Italiana del Seicento Letteratura Italiana del Settecento Letteratura italiana del Trecento Letteratura italiana dell'Ottocento Letteratura latina Lettura e metrica latine Lezioni universitarie Lingua inglese Lingua Italiana dei Segni Lingua latina Lingue tonali Linguistica Linguistica Romanza Locuzioni Luigi Pirandello Maiuscola Maturità Maturità 2012 Maturità 2012 prima prova Maturità 2013 Maturità 2013 prima prova Maturità 2014 prima prova Morfologia Natale Natale 2012 Niccolò Machiavelli Noam Chomsky Nome Parole difficili Parole nuove Parole nuove e difficili Parti del discorso Perché si dice? Perifrastica Pesce d'aprile Pidgin Pietro Bembo Platone Poesia italiana Pragmatica Predicato nominale Predicato verbale Preposizioni Preposizioni improprie Present continuous inglese Present simple inglese Prima prova maturità Promessi sposi Pronomi Pronomi Personali Pronomi Relativi Proposizione Principale Proposizioni Prosa italiana Punteggiatura Raddoppiamento fonosintattico Saggi brevi San Valentino Sapete che? Schede didattiche Scienza Nuova Sciopero scuola 2012 Scuola e Istruzione Si dice o non si dice? Si scrive? Sillogismo Sintassi Sintassi dei casi Sociolinguistica Soggetto Strutturalismo Subordinate Tagli alla scuola Teatro italiano Temi svolti Terza declinazione latina Tesi di laurea TFA TFA 2012 Trittonghi Troncamento Ugo Foscolo Univerbazione Università Varie Verbi attivi Verbi inglesi Verbi latini Verbi passivi Verbi riflessivi Verbi servili Verbi sovrabbondanti Verbi suppletivi Verifica analisi del periodo Verifica di analisi logica Versioni tradotte Vita e opere autori letteratura italiana
false
ltr
item
LINKUAGGIO?: Periodo ipotetico italiano, spiegazione e schema: quanti tipi e quali verbi? [ESERCIZI]
Periodo ipotetico italiano, spiegazione e schema: quanti tipi e quali verbi? [ESERCIZI]
Spiegazione e schema del periodo ipotetico italiano: quanti tipi esistono e quali verbi bisogna utilizzare? Una semplice guida a un argomento complesso
http://3.bp.blogspot.com/-cvwbJwXFTGQ/UdHARPHzNgI/AAAAAAAAHpM/jJFeaL7_cXE/s320/Periodo+ipotetico.jpg
http://3.bp.blogspot.com/-cvwbJwXFTGQ/UdHARPHzNgI/AAAAAAAAHpM/jJFeaL7_cXE/s72-c/Periodo+ipotetico.jpg
LINKUAGGIO?
http://www.linkuaggio.com/2013/07/periodo-ipotetico-italiano-spiegazione.html
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/2013/07/periodo-ipotetico-italiano-spiegazione.html
true
7275283272962022850
UTF-8
Non è stato trovato alcun post LEGGILI TUTTI Di più... Rispondi Cancella la risposta Cancella di Home Pagine Articoli Leggili tutti TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE ARGOMENTI ARCHIVIO SEARCH TUTTI I POST Non è stato trovato alcun post corrispondente alla tua richiesta Back Home domenica lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato dom lun mar mer giov ven sab gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre gen feb mar apr maggio giu lug ago set ott nov dic proprio ora un minuto fa $$1$$ minutes ago un'ora fa $$1$$ hours ago ieri $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago più di cinque settimane fa follower Segui CONTENUTO PREMIUM Condividi per sbloccare Copia tutto Seleziona tutto Tutto è stato copiato Non si può copiare, per piacere premi [CTRL]+[C] (o CMD+C se hai un Mac) per farlo