Si scrive "l'ho" o "lo"? Usare correttamente il verbo e l'articolo senza sbagliare mai

Come si scrive? "L'ho" o "lo"? E perché? In questa spiegazione di grammatica italiana cercheremo di fare il punto su un argomento non proprio semplice per consentire a tutti voi di imparare bene la regola e di non sbagliare in nessun caso, neanche in quelli più difficili. All'inizio potrà sembrarvi difficile ma non lo è affatto. Buon italiano a tutti!


si scrive l'ho o lo
Se siete qui vi state chiedendo se si scrive l'ho o lo e noi siamo qui ovviamente per aiutarvi a capire come scegliere l'alternativa corretta senza sbagliare neanche una volta. Comprendiamo che l'argomento possa essere difficile e che qualcuno possa trovare certe volte non poche difficoltà ma siamo sicuri che con questo trucchetto che vi diremo e con gli approfondimenti che vi proporremo sarete in grado di scrivere bene qualsiasi messaggio, sia esso una semplice frase o un'email o una poesia, chissà. In molti vi sarete chiesti senz'altro se non ce l'ho è corretto oppure se te l'ho detto si scrive anche come *te lo detto e in molti avrete cercato frasi con l'ho, lo, la e l'ha per verificare se avete capito realmente l'argomento. Ebbene in questa spiegazione su l'ho e lo e sul corretto modo di scriverli cercheremo di rispondere davvero a tutti i vostri dubbi affrontando anche questioni di analisi logica e grammaticale: sì perché un conto è scrivere l'ho un conto è scrivere lo. Procediamo!

Un trucchetto per capire se si scrive lo o l'ho ve lo abbiamo spiegato in un approfondimento e ve lo proporremo nel sommario che segue con esempi e frasi costruite ad hoc per rendervi le idee più chiare: basta sostituire a ho la parola avere e verificare che il significato della frase non venga compromesso. Per esempio: ho lanciato un euro nella Fontana di Trevi diventerebbe avere lanciato un euro nella Fontana di Trevi; come vedete il significato della frase si capisce ed è per questo che ho è corretto: se non avesse funzionato avreste dovuto scrivere o. Un altro esempio: l'ho dato a Maria diventerebbe l'avere dato a Maria. Anche in questo caso la frase si capisce e quindi ho è corretto.

Ma non parleremo solo di questo nei prossimi paragrafi: vedremo anche le forme più comuni che usano l'ho e lo e quindi vedremo se si scrive lo o l'ho in alcune espressioni che usiamo tutti i giorni. Ovviamente il nostro consiglio non è quello di imparare a memoria tali espressioni ma di capire perché una volta si mette l'acca e una volta invece no. Ma veniamo subito al dunque e partiamo dal seguente sommario per consentirvi di orientarvi in questa raccolta:
  1. Il pronome lo in l'ho: cosa diciamo quando parliamo;
  2. L'articolo determinativo lo: una differenza importante;
  3. Il verbo avere in l'ho: la regola;
  4. Analisi grammaticale e logica di lo e l'ho: un riassunto;
  5. Frasi con o e ho per capire meglio la regola;
  6. Espressioni più comuni con lo e l'ho;
  7. Si scrive ce l'ho o ce lo? Esercizi con soluzioni con l'ho e lo.

Il pronome lo in l'ho: cosa diciamo quando parliamo

Diciamolo subito: alla domanda di questo approfondimento dovete sapere rispondere proprio tutti, perché se si scrive l'ho o lo è un dubbio che potrebbe farvi rimediare qualche piccola ma grande brutta figura: siamo alle basi della lingua italiana ed è giusto che essendo voi italiani sappiate distinguere sempre un pronome e un verbo da un articolo determinativo; diversa invece è la situazione per chi non è madrelingua o per chi magari non ha avuto modo di studiare bene la lingua italiana nonostante sia italiano: fare errori di questo tipo non è difficile - quando c'è un'acca di mezzo i problemi non sono mai troppi! - e comprendere certe differenze può diventare impegnativo.

L'ho è la forma elisa di lo ho: quando parlate voi non pronunciate la o di lo; voi non dite cioè lo ho comprato ma dite l'ho comprato; non dite te lo ho detto ma dite te l'ho detto; non dite non ce lo ho ma dite non ce l'ho così come non dite ce la ho fatta ma ce l'ho fatta: insomma voi non fate sentire il pronome lo al completo ma lo elidete quando parlate, togliete quindi la vocale e resta appunto solo l'ho.

In casi come quelli che vi abbiamo menzionato insomma l'ho è composto dal pronome complemento oggetto lo e dalla prima persona del verbo avere ho; è normale quindi che, quando scrivete, il verbo ho deve restare e non potete cancellarlo: per quale motivo se dite lo ho comprato (l'ho comprato) poi dovete scrivere *lo comprato togliendo l'acca, che è l'unica lettera che vi permette di indicare che quello è un verbo? Tutto chiaro, sì?

L'articolo determinativo lo: una differenza importante

Ma non è finita qui: lo senz'acca non è per forza solo un pronome, visto che può essere anche un semplice articolo determinativo, che non ha nulla a che vedere con il pronome di cui vi abbiamo parlato: certamente si scrive allo stesso modo ma la differenza è notevole perché pronome e articolo non hanno niente in comune (l'articolo determinativo accompagna un nome nella maggior parte dei casi, individuandolo con precisione rispetto a un gruppo; il pronome personale invece sostituisce il nome). Nella frase Lo zaino è grande insomma lo non ha la stessa funzione di quella che ha in Non ce l'ho (fate anche attenzione al ce, perché siamo sicuri che qualcuno l'avrebbe scritto con tanto di apostrofo accento, cioè come c'èseguendo questa guida capirete perché avreste sbagliato).

Ricapitolando quindi:

  1. Lo può avere la funzione di pronome come in non ce l'ho, l'ho visto, ce l'ho fatta ecc (ho questo, ho visto questo / lui ecc).
  2. Lo può avere la funzione di articolo come in lo zaino e lo scooter e sempre davanti alle vocali si elide: diciamo l'aereo e non *lo aereo, l'aiuto e non *lo aiuto ecc.

Il verbo avere in l'ho: regola

La regola per scrivere correttamente lo e l'ho è semplice e forse l'avrete già capita: sostituite con la parola avere la o e se il significato della frase funziona allora va messa l'acca altrimenti no. Qui trovate spiegata la regola con tutti gli esempi del caso e siamo sicuri che vi tornerà utilissima.

Frasi con o e ho per capire meglio la regola con gli esempi

Qui di seguito invece trovate delle frasi che vi permettono di comprendere meglio quando usare l'ho e quando scrivere lo perché vi forniscono dei chiari esempi di applicazione:
  1. Frasi con o senz'acca: una raccolta di frasi che mostra quando o è congiunzione disgiuntiva e quindi non ha nulla a che vedere con il verbo;
  2. Frasi con o e ho insieme: una raccolta di frasi che mette in evidenza la differenza tra o congiunzione e ho verbo; il fatto che ricorrano assieme vi permetterà di avere le idee più chiare;
  3. Frasi con a e ha insieme: una raccolta di frasi con a e ha, un argomento affine a questo che stiamo trattando;
  4. Frasi con ai e hai insieme: leggendo queste altre frasi tutto vi sarà ancora più chiaro perché l'argomento è più o meno lo stesso.

Analisi grammaticale di l'ho e lo: un riassunto

Proviamo a fare ora l'analisi grammaticale e logica di l'ho e lo ricordandovi che in questo speciale sull'analisi logica troverete molti esercizi svolti e potrete chiedere aiuto a noi di Linkuaggio.com.

  1. L'ho in analisi grammaticale va analizzato così: lo = pronome personale complemento oggetto maschile singolare + ho = voce del verbo avere coniugazione propria prima persona singolare modo indicativo tempo presente forma attiva. Lo invece può essere o articolo determinativo (es. lo zaino) oppure pronome (es. lo voglio io).
  2. In analisi logica è ancora più semplice: lo è complemento oggetto in frasi come l'ho detto io, l'ho dato a Mattia, lo voglio; fa parte di un sintagma invece quando è articolo: sappiamo tutti che in analisi logica non si analizzano le singole parti del discorso ma la loro funzione all'interno della frase e sappiamo bene che quando lo è un articolo accompagna un nome, che in analisi logica può assumere tante funzioni; per esempio: in lo zaino è bello lo fa parte del sintagma nominale lo zaino, che a sua volta è soggetto; in ho preso lo zaino lo è sempre parte di un sintagma nominale ma ha funzione di oggetto. E così via. Tutto chiaro?

Espressioni più comuni con l'ho e lo

Vi elenchiamo infine una lista di espressioni comuni che prevedono l'uso di lo o l'ho:

  1. Si scrive non ce l'ho e non *non ce lo;
  2. Si scrive te l'ho detto e non *te lo detto;
  3. Si scrive ce l'ho fatta e non *ce lo fatta;
  4. Si scrive l'ho visto / l'ho vista e non *lo visto / lo vista;
  5. Si scrive ce l'ho io e non *ce lo io;
  6. Si scrive gliel'ho detto io e non *glielo detto io.

Si scrive ce l'ho o ce lo? Esercizi con soluzioni con lo e l'ho

Dovreste avere chiaro ora se si scrive l'ho o lo. Ma vogliamo lasciarvi a un ultimo caso prima di darvi gli esercizi. Prendiamo il caso non ce l'ho e le varie ipotesi:
  1. Si potrebbe scrivere non ce l'ho fatta e non *non ce lo fatta;
  2. Potremmo scrivere non ce lo danno ancora e non *non ce l'ho danno ancora.
Come mai questa differenza? Pensate a ciò che vi abbiamo detto prima: dipende tutto dal verbo. Dopo lo c'è il verbo avere ho e quindi se togliete l'acca commettete un grave errore perché fate sparire il verbo. Diverso è il caso della frase n.2: qui non c'è il verbo avere e anzi il verbo è danno e quindi non c'è bisogno dell'acca perché non è un tempo composto. Se fosse stato non gliel'ho dato allora anche se il verbo era dare l'acca andava messa perché il tempo composto è l'ho dato e sappiamo bene che per fare questo tempo serve il verbo avere. Insomma: se davanti a lo c'è il verbo avere si scrive l'ho; se non c'è il verbo avere si scrive lo.

Ecco alcuni esercizi che potrebbero tornarvi utili:
  1. Esercizi con l'ho, lo, glielo e gliel'ho;
  2. Esercizi generali sull'uso dell'acca.
Forse vi potrà sembrare difficile agli inizi, ma rileggendo attentamente quanto abbiamo scritto con tutti gli esempi e gli approfondimenti, saprete senz'altro se scrivere "l'ho visto" o *lo visto e tutte le altre espressioni che prevedono l'uso di lo e l'ho. Ovviamente se avete altri dubbi scriveteci pure su Facebook o tra i commenti. Buon italiano a tutti!

La foto è tratta da Pixabay.com

COMMENTI

BLOGGER: 53
Loading...
Nome

Accademia della Crusca Accento Accusativo preposizionale Acronimi Aferesi Aggettivi Aggettivi qualificativi Alessandro Manzoni Analisi Analisi dei testi analisi del periodo Analisi Grammaticale Analisi grammaticale verifica Analisi Logica Apocope Apostrofo Apposizione Articolo Auguri Capodanno Auguri di buon compleanno Auguri di buon onomastico Auguri di Natale Auguri di Pasqua Auguri di San Valentino Auguri per San Faustino Ausiliari Avverbi Bilinguismo blog Bullismo a scuola Capodanno Cattedra 24 ore Che significa? Complementi del latino Complemento oggetto Complemento predicativo del soggetto Complemento predicativo dell'oggetto Concorsi pubblici scuola Concorso scuola 2012 Congiunzione Coordinate Creoli Dante Alighieri De bello Gallico Decameron Declinazioni latino Derivazione Dialetti italiani Dialettologia Dittonghi Divina Commedia Divisione in sillabe Emoticon Enigmistica Errori Grammaticali Esercizi analisi del periodo Esercizi analisi grammaticale Esercizi analisi logica Esercizi di ortografia Esercizi divisione in sillabe Esercizi grammatica inglese Esercizi Grammatica Italiana Esercizi per scuola elementare Esercizi sulla punteggiatura Essere e Avere Ferdinand De Saussure Festa dei morti Festa del papà Festa della donna Festa della Mamma Figure retoriche Filosofia del Linguaggio Fonetica e Fonologia Francesco Petrarca Francesco Profumo Ministro Istruzione Frasario Frasi celebri Frasi d'amore Frasi d'esempio Frasi di auguri di Pasqua Frasi di auguri per matrimonio Frasi Festa del Papà Frasi Festa della Befana Frasi Festa della Mamma Frasi Festa delle Donne Frasi Halloween Frasi per Carnevale Frasi per Halloween Frasi Pesce d'Aprile Frasi sull'amicizia Frasi sulla Giornata della Memoria Frasi sulla morte Frasi sulla vita Futuro inglese Gabriele d'Annunzio Generativismo Gerundio Giacomo Leopardi Giambattista Vico Giovanni Boccaccio Giovanni Verga Giulio Cesare Grammatica inglese Grammatica Italiana Grammatica Italiana TEST Guide Halloween Halloween 2012 I complementi I Nuovi Mostri Iati Il complemento di termine Il Femminile Il Linguaggio della Filosofia Il Maschile Il plurale Il Principe Il singolare Il verbo IN EVIDENZA Interiezione Italiano Italiano neostandard Karl Marx La lingua italiana EVENTI La Scimmia La Scimmia reality La virgola Latino Le Vocali Letteratura italiana Letteratura italiana del Cinquecento Letteratura italiana del Duecento Letteratura italiana del Novecento Letteratura italiana del Quattrocento Letteratura Italiana del Seicento Letteratura Italiana del Settecento Letteratura italiana del Trecento Letteratura italiana dell'Ottocento Letteratura latina Lettere Lettura e metrica latine Lezioni universitarie Lingua inglese Lingua Italiana dei Segni Lingua latina Lingue tonali Linguistica Linguistica Romanza Locuzioni Luigi Pirandello Maiuscola Maturità Maturità 2012 Maturità 2012 prima prova Maturità 2013 Maturità 2013 prima prova Maturità 2014 prima prova Morfologia Natale Natale 2012 Niccolò Machiavelli Noam Chomsky Nome Parole difficili Parole nuove Parole nuove e difficili Parti del discorso Perché si dice? Perifrastica Pesce d'aprile Pidgin Pietro Bembo Platone Poesia italiana Pragmatica Predicato nominale Predicato verbale Preposizioni Preposizioni improprie Present continuous inglese Present simple inglese Prima prova maturità Promessi sposi Pronomi Pronomi Personali Pronomi Relativi Proposizione Principale Proposizioni Prosa italiana Punteggiatura Raddoppiamento fonosintattico Saggi brevi San Valentino Sapete che? Schede didattiche Scienza Nuova Sciopero scuola 2012 Scuola e Istruzione Scuola elementare Si dice o non si dice? Si scrive? Sillogismo Sintassi Sintassi dei casi Sociolinguistica Soggetto Strutturalismo Subordinate Tagli alla scuola Teatro italiano Temi per scuole superiori Temi svolti Terza declinazione latina Tesi di laurea TFA TFA 2012 Trittonghi Troncamento Ugo Foscolo Univerbazione Università Uso dell'acca Varie Verbi attivi Verbi inglesi Verbi latini Verbi passivi Verbi riflessivi Verbi servili Verbi sovrabbondanti Verbi suppletivi Verifica analisi del periodo Verifica di analisi logica Versioni tradotte Vita e opere autori letteratura italiana
false
ltr
item
LINKUAGGIO?: Si scrive "l'ho" o "lo"? Usare correttamente il verbo e l'articolo senza sbagliare mai
Si scrive "l'ho" o "lo"? Usare correttamente il verbo e l'articolo senza sbagliare mai
Come si scrive? "L'ho" o "lo"? E perché? In questa spiegazione di grammatica italiana cercheremo di fare il punto su un argomento non proprio semplice per consentire a tutti voi di imparare bene la regola e di non sbagliare in nessun caso, neanche in quelli più difficili. All'inizio potrà sembrarvi difficile ma non lo è affatto. Buon italiano a tutti!
https://3.bp.blogspot.com/-2jO8FlPCcns/UyNJZpbByqI/AAAAAAAAKas/TxeB_nZL7hY/s200/ACCA.jpg
https://3.bp.blogspot.com/-2jO8FlPCcns/UyNJZpbByqI/AAAAAAAAKas/TxeB_nZL7hY/s72-c/ACCA.jpg
LINKUAGGIO?
http://www.linkuaggio.com/2014/03/si-scrive-lho-o-lo-usare-correttamente.html
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/
http://www.linkuaggio.com/2014/03/si-scrive-lho-o-lo-usare-correttamente.html
true
7275283272962022850
UTF-8
Non è stato trovato alcun post LEGGILI TUTTI Di più... Rispondi Cancella la risposta Cancella di Home Pagine Articoli Leggili tutti TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE ARGOMENTI ARCHIVIO SEARCH TUTTI I POST Non è stato trovato alcun post corrispondente alla tua richiesta Back Home domenica lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato dom lun mar mer giov ven sab gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre gen feb mar apr maggio giu lug ago set ott nov dic proprio ora un minuto fa $$1$$ minutes ago un'ora fa $$1$$ hours ago ieri $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago più di cinque settimane fa follower Segui CONTENUTO PREMIUM Condividi per sbloccare Copia tutto Seleziona tutto Tutto è stato copiato Non si può copiare, per piacere premi [CTRL]+[C] (o CMD+C se hai un Mac) per farlo